Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Commenti



09-04-2010

Il nucleare è la via del futuro



Il nucleare è la via del futuro

In occasione del vertice italo-francese di Parigi del 9 aprile, che ha visto la firma degli accordi in materia di energia nucleare fra i due Paesi, Anne Lauvergeon, presidente del gruppo francese Areva, in un'intervista al Sole 24 ha commentato gli accordi inserendoli nella situazione del rinascimento nucleare in corso.

Per Anne Lauvergeon «la rinascita del nucleare non è un mito, ma una tendenza vera, confermata da cifre e fatti. In 5 anni i nostri ordini sono quintuplicati, il fatturato è aumentato del 39% e abbiamo assunto 53.000 persone. Abbiamo 4 reattori di terza generazione avanzata in costruzione nel mondo, di cui uno in Francia, uno in Finlandia e due in Cina, e siamo in trattative per molti altri progetti».

L'Areva ricava dall'estero il 75% del suo fatturato, e Anne Lauvergeon è perciò molto attenta agli sviluppi del nucleare in tutto il mondo: «Nuovi Paesi si interessano al nucleare, quegli stessi Paesi che tradizionalmente erano percepiti come anti-nucleari perché disponevano di energia fossile in grande quantità».

Anne Lauvergeon ha citato in particolare la Polonia, che ha firmato accordi di collaborazione con la Francia, ma il nucleare è stato scelto recentemente anche dagli Emirati Arabi Uniti, a cui potrebbero seguire altri importanti Paesi produttori di petrolio come Indonesia e Nigeria.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su