Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Sondaggi e consultazioni



13-04-2010

Il 55% degli italiani vuole il nucleare, e il 49% anche sotto casa



Il 55% degli italiani vuole il nucleare, e il 49% anche sotto casa

La maggioranza degli italiani è a favore del nucleare: il 55% è favorevole all'installazione di nuove centrali nucleari. Lo rivela un sondaggio condotto dalla società di consulenza Accenture.

Non solo: il 49% sono anche ben disposti riguardo alla costruzione di una centrale nel raggio di 160 chilometri dalla propria residenza. Sono invece il 62% gli italiani che si sentono poco informati sulle politiche energetiche nazionali.

Il sondaggio è stato condotto su un totale di 10.508 persone intervistate in 20 Paesi, sia industrializzati sia in via di sviluppo: Sudafrica, Germania, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Cina, Spagna, Francia, Grecia, Ungheria, India, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Regno Unito, Russia, Slovacchia, Svezia e Stati Uniti.

Le interviste sono state effettuate alla fine del 2008, ma i risultati sono stati pubblicati solo nell'aprile 2010 sul sito di Accenture.

A livello internazionale, il dato dei favorevoli al nucleare è ancora più alto: 69% a favore (compreso un 29% "senza riserve"), contro il 31% di contrari. Anche la percentuale di chi si sente poco informato sale: 72%.

Il motivo principale della preferenza (indicato dall'85% dei favorevoli) è l'attuale dipendenza dalle importazioni di petrolio e di gas; seguono la diversificazione del mix energetico (78%) e la necessità di ridurre le emissioni di anidride carbonica (78%).

In assoluto, la percentuale degli intervistati a favore della riduzione dell'energia da fonti fossili è altissima in tutti i Paesi: va da un minimo del 72% in Russia a un massimo del 98% in Brasile, con una media dell'88%.

Fra i contrari al nucleare, le preoccupazioni maggiori sono la sicurezza delle centrali e lo smaltimento delle scorie (indicati dall'88% dei contrari), ma anche lo smantellamento delle centrali (86%) e il rischio di attentati (74%).



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su