Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



03-05-2010

In Italia le centrali porteranno 10.000 nuovi posti di lavoro



In Italia le centrali porteranno 10.000 nuovi posti di lavoro

Sono ben 10.000 i nuovi posti di lavoro che si potranno creare in Italia solo nel campo elettrotecnico con il ritorno al nucleare. È la conclusione di un incontro organizzato dalla Federazione Nazionale Imprese Elettroniche ed Elettrotecniche (ANIE) con l'Enel, il 27 aprile 2010 a Roma.

L'incontro, presieduto da Claudio Andrea Gemme, capo della task force nucleare dell'ANIE, è stato dedicato all'indotto delle centrali nucleari e al ruolo importante che «sarà riservato alle imprese di ANIE fornitrici delle tecnologie elettromeccaniche»: dei 18-20 miliardi di euro di investimenti stimati nel nucleare, il 20-25% riguarda proprio le installazioni elettromeccaniche.

L'incontro è servito all'ANIE anche per discutere le procedure di certificazione e qualificazione che le aziende interessate dovranno affrontare: un dialogo con l'ENEL potrà approfondire, ed eventualmente anticipare, i problemi che si potranno presentare.

In questo è importante anche il ruolo normativo delle istituzioni: «Affinché la ricostituzione di una filiera nazionale sul nucleare costituisca un'opportunità per l'industria nazionale è necessario un quadro legislativo e normativo di riferimento chiaro, che dia sufficienti garanzie su tempistiche e procedure», ha commentato Gemme.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su