Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali galleggianti del futuro di Massachusetts Institute of Technology (MIT)




EnerBlog

News



MONDO - Ambiente e salute



12-05-2010

Politiche sul clima: l’opportunità per un cambiamento



Politiche sul clima: l’opportunità per un cambiamento

Nella scrittura cinese, l'ideogramma che rappresenta la crisi è costituito da due parti: "pericolo" e "opportunità", a indicare che ogni crisi è anche un'opportunità. È anche la tesi del rapporto Hartwell Paper sulle politiche sui cambiamenti climatici.

Secondo il rapporto, pubblicato l'11 maggio 2010 da un gruppo di esperti internazionali coordinati dalla London School of Economics, il fallimento del vertice di Copenaghen del dicembre 2009 è l'occasione per cambiare le strategie internazionali e segnare finalmente, dopo 15 anni, un progresso significativo nella lotta al riscaldamento globale. Dato infatti che l'approccio lanciato dalle Nazioni Unite nel 1992 non ha prodotto risultati apprezzabili, il fallimento del 2009 è un'opportunità che non si può sprecare.

Secondo gli autori la strategia seguita finora non è riuscita nello scopo più importante, cioè coinvolgere attivamente la popolazione, a causa di un approccio comunicativo improntato alla preoccupazione e alla colpevolizzazione. Al contrario, il pubblico sarebbe molto più disposto a partecipare attivamente se vedesse la riduzione delle emissioni non come uno scopo astratto e remoto, ma come un risultato collaterale di una politica più vicina alla vita quotidiana, finalizzata prima di tutto a rendere l'energia più economica e più abbondante per tutti. Perciò l'attenzione nella comunicazione pubblica andrebbe posta non sugli scopi a lungo termine, ma sui primi passi concreti.

Sul piano pratico, il documento propone di puntare sull'efficienza energetica e sullo sviluppo di tecnologie pulite economicamente convenienti: gli incentivi per le fonti rinnovabili sono stati molto utili, ma saranno difficili da mantenere quando la quota di energie pulite aumenterà.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su