Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Argonne explains nuclear recycling in 4 minutes di Argonne National laboratory (USA)




EnerBlog

News



MONDO - Politica



14-05-2010

Il programma nucleare britannico andrà avanti



Il programma nucleare britannico andrà avanti

Il programma nucleare britannico andrà avanti, nonostante i disaccordi all'interno della nuova maggioranza di governo. Il partito liberal-democratico, alleato di minoranza del nuovo primo ministro conservatore David Cameron, ha infatti rinunciato a opporsi alla costruzione delle nuove centrali, proposta dal governo uscente laburista.

L'accordo di governo prevede che il liberal-democratico Chris Huhne (nella foto) avrà il Ministero dell'energia, ma non bloccherà il programma nucleare: i liberal-democratici potranno opporsi alla decisione in fase di dibattito, ma si asterranno alla votazione.

«Se ci sarà una maggioranza in Parlamento, il nuovo programma nucleare andrà avanti», ha spiegato Huhne. E la maggioranza è molto probabile, vista la convergenza dei due principali partiti: i conservatori, alla guida del nuovo governo, e i laburisti, da adesso all'opposizione.

Secondo Huhne, «un accordo di coalizione comporta necessariamente dei compromessi per entrambe le parti. In questo accordo ci sono compromessi che sono ovviamente poco graditi a una parte o all'altra».

In nome del compromesso, i liberal-democratici hanno però ottenuto che il programma andrà avanti senza finanziamenti da parte dello Stato. I costi ricadranno interamente sulle aziende, «perché saranno loro a dover decidere se saranno in grado si costruire le centrali senza aiuti statali. Questo è il punto cruciale», ha aggiunto Huhne.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su