Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali nucleari di carloalessi




EnerBlog

News



MONDO - Energia



26-01-2011

2011: lo stato dell’arte in Europa



2011: lo stato dell’arte in Europa

Alla data del 19 gennaio 2011, in Europa sono in attività 195 reattori nucleari, per una potenza totale di 169.972 MW. Sono poi in costruzione altri 19 reattori in 6 Paesi, per una potenza di ulteriori 16.941 MW.

I Paesi europei dotati di centrali nucleari sono 17, di cui 14 appartenenti all'Unione Europea (gli altri tre sono Russia, Ucraina e Svizzera). Il Paese con il maggior numero di reattori è la Francia, con 59, con una potenza totale di 63.130 MW. Il secondo posto è della Russia con 32 reattori per 22.693 MW (anche se a essere precisi 5 reattori, pur conteggiati in Europa, si trovano nella parte asiatica del Paese). Seguono la Germania (17 reattori, 20.490 MW), il Regno Unito (19 reattori, 10.137 MW) e l'Ucraina (15 reattori, 13.107 MW). Chiudono la classifica, con un reattore in attività, la Slovenia e i Paesi Bassi.

Quasi tutti gli impianti nucleari europei sono di seconda generazione: fanno eccezione solo 4 reattori di prima generazione nelle centrali britanniche di Oldbury e Wylfa.

La Francia è prima anche per quanto riguarda la percentuale di elettricità prodotta con l'energia nucleare, con il 75,2%. Seguono la Slovacchia con il 53,5%, il Belgio con il 51,7% e l'Ucraina con il 48,6%.

Fra gli impianti in costruzione, la parte del leone la fa la Russia, con 11 reattori, per 9153 MW. Degli altri 8, altri 6 sono nell'Europa centro-orientale: 2 in Bulgaria, 2 in Slovacchia e 2 in Ucraina. Infine la Francia e la Finlandia stanno costruendo un reattore ciascuna, rispettivamente a Flamanville e Olkiluoto: saranno i primi del modello Epr di terza generazione avanzata.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su