Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Sicurezza



23-03-2011

Fukushima: lenti progressi



Fukushima: lenti progressi

Nella centrale giapponese di Fukushima Daiichi (Fukushima 1), danneggiata dal terremoto dell'11 marzo, continuano, sia pure lentamente, i progressi per riportare l'impianto a una condizione di assoluta sicurezza.

Gli sforzi dei tecnici sono concentrati soprattutto sul ripristino della corrente elettrica, in modo da facilitare tutte le altre operazioni, in particolare quelle di raffreddamento. Il 22 marzo l'elettricità ha raggiunto il terzo reattore, dove è stato possibile accendere le luci nella sala di controllo: è la prima volta che torna a funzionare l'elettricità in uno dei primi quattro reattori, i più danneggiati. Nel primo, nel secondo e nel quarto reattore i cavi sono pronti e il rifornimento di elettricità potrà partire non appena saranno effettuati i necessari lavori di controllo e manutenzione.

Nel terzo e nel quarto reattore intanto proseguono le attività di raffreddamento del combustibile usato con l'uso di grandi quantità di acqua di mare. Nel frattempo è stato necessario procedere a raffreddare il nocciolo del primo reattore, dove la temperatura aveva superato la soglia massima. Nella notte fra il 22 e il 23 marzo, durante le operazioni, due lavoratori sono rimasti feriti e sono stati portati in infermeria.

Per quanto riguarda  la dispersione di radioattività all'esterno, in seguito al rilevamento di livelli non pericolosi per la salute ma superiori ai limiti di legge nelle acque del mare, le autorità giapponesi hanno deciso di estendere i prelievi di campioni d'acqua fino a una distanza di 30 chilometri dalla centrale.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su