Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Obama's Nuclear di Energy-mix




EnerBlog

News



MONDO - Ambiente e salute



23-03-2011

Fukushima: nessun rischio radioattivo nel resto del mondo



Fukushima: nessun rischio radioattivo nel resto del mondo

La radioattività rilasciata dalla centrale giapponese di Fukushima ha raggiunto in dosi minime gli Stati Uniti: l'Environmental Protection Agency (EPA) ha effettuato analisi approfondite, rilevando lievissime tracce di elementi radioattivi provenienti probabilmente dal Giappone.

Perciò è anche improprio parlare di "nube radioattiva": si tratta di un numero esiguo di particelle di iodio 131, iodio 132, cesio 137 e tellurio 132 fuoriuscite dalla centrale e portate dai venti.

I livelli di radioattività sono lontanissimi da quelli considerati pericolosi per la salute: in un giorno medio, un cittadino americano assorbe dall'ambiente una radioattività 100.000 volte superiore a quella arrivata da Fukushima.

In questi giorni, secondo le previsioni, i venti porteranno le particelle radioattive verso l'Europa, dove arriveranno con una concentrazione ancora più bassa, tanto che potrebbe non essere rilevata neanche dagli strumenti più sofisticati.

In Italia comunque l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) ha intensificato da alcuni giorni il normale monitoraggio della radioattività ambientale, senza registrare anomalie. Non sono necessarie quindi misure di alcun tipo per tutelare la salute della popolazione italiana, così come negli altri Paesi europei.

Anche in Giappone, escludendo le zone più vicine alla centrale di Fukushima, la radioattività registrata è inferiore ai livelli considerati pericolosi per la salute.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su