Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Obama's Nuclear di Energy-mix




EnerBlog

News



MONDO - Sicurezza



28-03-2011

Fukushima: acqua radioattiva rallenta le operazioni nella centrale



Fukushima: acqua radioattiva rallenta le operazioni nella centrale

Nella centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi (Fukushima 1), danneggiata dal terremoto dell'11 marzo, le operazioni per ristabilire i normali processi di raffreddamento sono state rallentate dalla presenza di acqua radioattiva nelle sale turbine.

La radioattività più alta è stata misurata nel secondo reattore: 1000 millisievert all'ora. Gli stessi livelli sono stati registrati nel vano delle condutture, sempre nel secondo reattore.

A questo proposito la Nuclear and Industrial Safety Agency (NISA) giapponese ha smentito un dato diffuso a causa di un refuso dalla Tokyo Electric Power Company (Tepco), che gestiva la centrale: era stato annunciato che nel secondo reattore la concentrazione di iodio 134, molto radioattivo, era altissima e di conseguenza la radioattività nell'acqua era 10 milioni di volte superiore al normale. In realtà, come ha rettificato la Tepco, i livelli di iodio 134 sono al di sotto dei limiti stabiliti.

Nelle sale turbine del primo e del terzo reattore i livelli di radioattività misurati sono di 60 e 750 millisievert all'ora rispettivamente.

Perciò la Tepco ha avviato il drenaggio dell'acqua. Proseguono comunque le operazioni per il raffreddamento dei reattori e la connessione alla rete elettrica. Il 26 marzo anche nel secondo reattore, oltre che nel primo e nel terzo, la corrente ha raggiunto la sala di controllo.

Alti livelli di radioattività sono stati misurati anche nell'acqua del mare all'imboccatura delle condutture di scarico della centrale: la concentrazione di iodio 131 (comunque molto meno radioattivo dello iodio 134) ha superato di 1850 volte i limiti di legge.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su