Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Obama's Nuclear di Energy-mix




EnerBlog

News



MONDO - Sondaggi e consultazioni



05-04-2011

Gli americani si fidano ancora del nucleare



Gli americani si fidano ancora del nucleare

L'incidente nella centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi non ha scosso più di tanto la fiducia degli americani nell'energia nucleare e nella sicurezza degli impianti.

Secondo un sondaggio condotto fra il 23 e il 25 marzo dalla società specializzata Harris Interactive, il 63% degli intervistati considerano le centrali "molto sicure" o "abbastanza sicure": un calo rispetto al 67% del 2008 c'è, ma solo del 4%.

Leggermente più marcato il calo fra gli americani favorevoli alla costruzione di nuove centrali: il 41% contro il 49% del 2008. I contrari sono aumentati dal 32% al 39%, rimanendo però in minoranza. La percentuale dei favorevoli sale poi al 59% se si aggiunge la condizione che le centrali vengano costruite lontano da faglie sismiche e dalle aree molto popolate.

«I problemi nella centrale di Fukushima hanno chiaramente influenzato la disposizione degli americani verso l'energia nucleare, ma non quanto mi sarei aspettato», ha commentato Humphrey Taylor, presidente della Harris Poll Interactive.

Dati simili provengono da un altro sondaggio, condotto dalla Gallup fra il 25 e il 27 marzo: il 58% degli intervistati ritengono sicure le centrali, il 36% no e il 6 non hanno un'opinione. In questo caso la fiducia sarebbe addirittura in aumento: secondo un analogo sondaggio condotto nel 2009, gli "ottimisti" erano il 56%.

La Gallup individua invece una leggera maggioranza degli americani contrari alla costruzione di nuove centrali: sono necessarie secondo il 46% degli intervistati, mentre per il 48% i rischi sono eccessivi e il 6% non rispondono. Anche in questo caso le notizie provenienti dal Giappone hanno cambiato di poco le opinioni degli americani: nel maggio 2001 la necessità di nuove centrali era condivisa dal 48% degli americani, contro un 46% di "preoccupati".

Secondo il comunicato della Gallup «la maggioranza degli americani pensa che le centrali negli Stati Uniti siano sicure, e la disposizione verso l'idea di costruirne altre non sembra cambiata negli ultimi 10 anni».



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su