Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



09-06-2010

Nasce la seconda cordata: tutti soddisfatti



Nasce la seconda cordata: tutti soddisfatti

È nata ufficialmente la seconda cordata per il nucleare italiano: la società francese GdFSuez e la tedesca E.ON hanno firmato il 7 giugno un protocollo d'intesa per partecipare alla costruzione delle nuove centrali nucleari in Italia.

Il progetto non si pone necessariamente in contrapposizione alla prima cordata, quella composta da Enel e EdF. L'obiettivo del piano nazionale di ricavare dall'energia nucleare il 25% dell'elettricità italiana presuppone infatti la presenza di almeno 8 centrali: oltre ai primi 4 reattori EPR previsti da Enel e EdF c'è spazio per altre proposte in una seconda tornata.

Il nuovo consorzio non si è pronunciato sulla tecnologia che intende scegliere, ma secondo gli osservatori il reattore americano AP1000 è un'opzione probabile: entrambe le società hanno già diverse collaborazioni con la Westinghouse. In questo caso aumenterebbe il coinvolgimento di Ansaldo Nucleare, altro partner tradizionale della società americana. Infine, anche A2A si è detta interessata a partecipare al nucleare italiano: «Questa seconda cordata potrebbe parlare anche italiano», ha affermato Giuliano Zuccoli, presidente di gestione di A2A.

L'accordo è stato accolto con soddisfazione da Confindustria: «Il fatto che due grandi gruppi internazionali abbiano deciso di investire nel nucleare italiano è la conferma della reale fattibilità e delle grandi opportunità derivanti dal rilancio del nucleare». Inoltre la seconda cordata è «un'ulteriore occasione di sviluppo per le aziende italiane, che avrà ricadute positive per tutti i soggetti operanti nel settore». Analoga la posizione dell'Enel: «È la conferma della validità del progetto per il Paese», ha dichiarato l'amministratore delegato Fulvio Conti.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su