Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



28-04-2011

La gara per la bonifica di Fukushima



La gara per la bonifica di Fukushima

La Tokyo Electric Power Company, che gestiva la centrale di Fukushima Daiichi, sta lavorando per mettere fine all'emergenza, e ha elaborato un piano della durata compresa fra 6 e 9 mesi. Sul lungo periodo, però, servirà un'opera più massiccia, che il governo giapponese dovrà aggiudicare con un bando pubblico.

Il 27 aprile un comunicato ha annunciato che la Mitsubishi e la Hitachi, due fra le principali aziende giapponesi, formeranno una cordata comune per partecipare al bando, un affare che secondo gli esperti vale in tutto 13 miliardi di euro. La nuova joint venture, che comprenderà anche l'americana General Electric, già legata alla Hitachi, dovrà vedersela con un'altra cordata di colossi, composta dalla Toshiba insieme ai gruppi americani Babcock & Wilcox e Shaw Group.

Entrambe le cordate sono già coinvolte nella centrale: tutti i 6 reattori della centrale sono stati costruiti su progetto della General Electric, che ha anche fornito direttamente i reattori 1, 2 e 6. I reattori 3 e 5 sono stati forniti invece dalla Toshiba, e il 4 dalla Hitachi.

La Hitachi, la Mitsubishi e la Toshiba hanno anche partecipato, separatamente, alle operazioni di emergenza: subito dopo il terremoto dell'11 marzo hanno allestito centri d'emergenza, hanno dislocato numerosi ingegneri ed esperti e hanno donato fondi. Hanno inoltre lanciato progetti per il recupero economico della zona, con la creazione di nuovi posti di lavoro. È stata poi la Mitsubishi a ristrutturare la grande nave-piattaforma da 10.000 tonnellate che è stata usata per accogliere grandi quantità di acqua marina radioattiva.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su