Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Argonne explains nuclear recycling in 4 minutes di Argonne National laboratory (USA)




EnerBlog

News



MONDO - Ambiente e salute



03-05-2011

Giappone: smentita fuga radioattiva dalla centrale di Tsuruga



Giappone: smentita fuga radioattiva dalla centrale di Tsuruga

Non c'è stata alcuna fuga radioattiva all'esterno della centrale nucleare giapponese di Tsuruga. La voce di una perdita, circolata nei media anche italiani, è stata travisata a partire da una notizia molto meno allarmante: un problema tecnico nel secondo reattore che, per precauzione, potrebbe essere fermato.

Lo ha affermato la Japan Atomic Power Co. (Japc), la società che gestisce la centrale, specificando chiaramente che non c'è stata alcuna perdita di materiale radioattivo all'esterno della centrale: il problema riscontrato è un aumento della radioattività nel liquido di raffreddamento, causato da iodio 133 proveniente dal combustibile.

La radioattività misurata è molto al di sotto della soglia stabilita in Giappone per fermare manualmente il reattore, ma in seguito all'incidente di Fukushima il livello di guardia è stato alzato in tutto il Paese: perciò la Japc ha deciso di intensificare i controlli, con una frequenza dei prelievi quotidiana anziché settimanale, e si è riservata di decidere sullo stop del reattore in base agli esiti delle analisi.

La centrale di Tsuruga si trova circa 450 chilometri a est d Tokyo, in una zona che non è stata colpita dal devastante terremoto dell'11 marzo. Ospita due reattori: il primo, ad acqua bollente, ha una potenza di 341 MW ed è stato inaugurato nel 1970; il secondo, quello in cui è stata riscontrata l'anomalia, è ad acqua pressurizzata, ha una potenza di 1110 MW ed è stato inaugurato nel 1987. Inoltre è in programma la costruzione di altri due reattori, di terza generazione: l'inizio dei lavori è previsto per il 2012 e l'entrata in attività per il 2017 e il 2018 rispettivamente.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su