Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



06-05-2011

Nasce il più grande colosso americano



Nasce il più grande colosso americano

È nata la più grande società americana di energia nucleare: la Exelon e la Constellation hanno trovato un accordo definitivo per la fusione delle due aziende. La nuova società, che continuerà a chiamarsi Exelon e conserverà la sede a Chicago, avrà un valore totale di 52 miliardi di dollari (36 miliardi di euro).

Con 22 reattori, per una potenza installata totale di 18.490 MW nucleari, la nuova società è di gran lunga la prima degli Stati Uniti, seguita dalla Entergy con 10 reattori e 8930 MW e dalla Duke Energy con 7 reattori e 6996 MW.

La Exelon infatti aveva già 17 reattori in 10 centrali: Braidwood, Byron, Clinton, Dresden, LaSalle e Quad Cities (Illinois), Limerick, Peach Bottom e Three Mile Island (Pennsylania), Oyster Creek (New Jesrey). La Constellation a sua volta ne aveva 5 in 3 centrali: Nine Mile Point e Ginna (New York) e Calvert Cliffs (Maryland).

Inoltre la Exelon ha in progetto due reattori a Victoria County (Texas); la Constellation partecipva al 50% con la francese Edf per la costruzione di un nuovo reattore, del modello Epr, a Calvert Cliffs, ma si è tirata indietro nel 2009.

«La nuova impresa avrà le dimensioni e la forza finanziaria per espandersi sul mercato dell'energia e investire sulla nuova onda di prodotti e sevizi per le energia pulite», ha dichiarato Mayo Shattuck, presidente della Constellation.

«Entrambe le società hanno dimostrato il loro impegno per la sostenibilità e la competitività sul mercato, stimolando l'innovazione, l'efficienza e la concorrenza. Insieme, sosterremo questi principi con più forza», ha aggiunto John Rowe, amministratore delegato della Exelon.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su