Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese





EnerBlog

News



ITALIA - Sondaggi e consultazioni



07-06-2011

Referendum: via libera anche dalla Corte Costituzionale



Referendum: via libera anche dalla Corte Costituzionale

Stavolta la notizia è definitiva: il referendum sul nucleare si terrà. Dopo la Cassazione, lo ha confermato il 7 giugno anche la Corte Costituzionale. Saranno così 4 i quesiti su cui saranno chiamati a pronunciarsi gli italiani il 12 e 13 giugno: oltre al nucleare, due referendum sulla privatizzazione dei servizi idrici e uno sul legittimo impedimento.

Il pronunciamento sul nucleare si era reso necessario in seguito al ricorso della presidenza del consiglio dei ministri contro la decisione della Cassazione. La Corte Costituzionale ha invece giudicato ammissibile il quesito referendario modificato proprio dalla Cassazione: perciò i cittadini non saranno chiamati a pronunciarsi sulla vecchia legge, abrogata dal nuovo decreto, ma appunto sul nuovo decreto. In particolare, il quesito riguarderà i commi 1 e 8 dell'articolo 5.

Con il decreto, il governo intendeva far venire meno il senso del referendum abrogando la legge sul programma nucleare. Secondo la Cassazione però il decreto non aveva gli stessi effetti dell'abrogazione proposta dal referendum, anzi: l'articolo 5 «detta regole aventi la forza e l'efficacia di una legge che apre nell'immediato al nucleare».

Si tratta quindi di un «meccanismo di temporanea sospensione», cioè di un rinvio, «non di una abrogazione o eliminazione della scelta nucleare». In definitiva, secondo la Cassazione, con il decreto «non si espunge il nucleare dalle scelte energetiche nuovamente disciplinate, che era è resta obiettivo della richiesta di referendum». In altre parole, il nucleare verrebbe «solo apparentemente cancellato».



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su