Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Politica



10-06-2011

L’Australia potrebbe inaugurare la prima centrale nel 2022



L’Australia potrebbe inaugurare la prima centrale nel 2022

Il 2022 è la data in cui dovrebbe chiudere l'ultima centrale nucleare tedesca (se non ci saranno ripensamenti), ma dall'altra parte del mondo potrebbe segnare un evento in tutti i sensi agli antipodi: l'apertura della prima centrale nucleare nella storia dell'Australia.

Se lo augura Michael Angwin, amministratore delegato dell'Australian Uranium Association, che non sottovaluta le conseguenze dell'incidente di Fukushima, ma chiarisce: «Questo è il momento giusto per i decisori politici per considerare in modo spassionato l'energia nucleare, da un punto di vista economico, tecnologico, sociale e politico». Insomma, «non è vero che Fukushima ha chiuso il dibattito sul nucleare. L'ha aperto».

È d'accordo con lui Ross Garnaut, esperto di cambiamenti climatici e consigliere del governo australiano: da un lato chiede alle autorità di prendere decisioni solo dopo che saranno conclusi gli studi sull'incidente di Fukushima; dall'altro spiega che «nonostante la tragedia in Giappone l'energia nucleare avrà ancora una parte importante nel futuro dell'energia. Altrimenti raggiungere l'obiettivo di mitigare i cambiamenti climatici sarà più difficile e più costoso, soprattutto nei Paesi asiatici in rapida crescita e specialmente in Cina».

In Australia, dove non sono mai state costruite centrali nucleari, il dibattito era già acceso prima dello tsunami giapponese. A livello politico non è stata presa alcuna decisione in questo senso, ma il ministro delle risorse Martin Ferguson ha lasciato la porta aperta: «La sicurezza deve essere la prima priorità, e perciò valutiamo positivamente tutte le misure per rafforzarla alla luce dell'incidente di Fukushima. Ma non sono d'accordo con chi sostiene che siamo alla fine dell'industria nucleare».

È ancora più convinto Paul Greenfield, presidente dell'Australian Nuclear Science and Technology Organisation (ANSTO), che si è dichiarato a titolo personale favorevole all'energia nucleare: «La inserirei in qualunque mix energetico che aspiri a essere sostenibile».



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su