Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



15-07-2011

Hitachi-General Electric vince il bando per la nuova centrale lituana



Hitachi-General Electric vince il bando per la nuova centrale lituana

La nuova centrale nucleare lituana sarà costruita dal gruppo Hitachi-GE, nato dall'unione fra la giapponese Hitachi e l'americana General Electric.

L'offerta, consistente nel progetto di un reattore di terza generazione ABWR (Advanced Boiling Water Reactor) da 1300 MW, ha avuto la meglio su quella dell'altra partecipante, la Westinghouse. Le due offerte erano state presentate a giugno.

La scelta, in cui sono intervenute anche l'Estonia, la Lettonia e la Polonia, che parteciperanno alla nuova centrale, è stata dettata da motivi economici: «La commissione ha concluso che la Hitachi ha presentato l'offerta più vantaggiosa da un punto di vista finanziario», ha spiegato il viceministro dell'energia lituano Romas Svedas, che però si è rifiutato di fornire dettagli.

La Lituania ambisce a costruire la nuova centrale da quando, in base agli accordi firmati per entrare nell'Unione Europea, ha dovuto chiudere quella vecchia e obsoleta di Ignalina: era del modello a grafite, simile ai reattori di Cernobyl, ma copriva oltre il 70% del fabbisogno elettrico nazionale. Oggi invece il Paese si trova a dover dipendere quasi interamente dalle importazioni dalla Russia.

Il nuovo impianto sorgerà nella località di Visaginas (non lontano da Ignalina); il sito ha già ricevuto una valutazione positiva per l'idoneità e l'impatto ambientale. I lavori preparatori sono già iniziati e le autorità lituane sperano di firmare il contratto definitivo entro il 2011. Secondo i progetti la centrale dovrebbe essere pronta nel 2020.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su