Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



07-09-2011

Il Giappone ha ancora bisogno dell’energia nucleare



Il Giappone ha ancora bisogno dell’energia nucleare

Rinunciare all'energia nucleare non è una possibilità sensata per il Giappone, almeno nel prossimo futuro: è il pensiero del nuovo primo ministro Yoshihiko Noda (nella foto), che il 2 settembre ha preso il posto del dimissionario Naoto Kan.

Noda, ex ministro delle finanze, si è detto d'accordo con il suo predecessore sull'opportunità per il Paese di puntare sulle fonti rinnovabili e ridurre la dipendenza dall'energia nucleare, ma non si è sbilanciato a prevedere la chiusura delle centrali.

Anzi, ha ribadito che al momento sono più che mai necessarie per ridurre i rischi di interruzioni dei rifornimenti di elettricità e consentire la ripresa economica del Giappone: «Creeremo un programma quadro in modo che possiamo riavviare i reattori attualmente spenti per manutenzione, dopo esserci accertati con gli stress test che sono sicuri», ha dichiarato Noda dopo essersi insediato.

Questa posizione è suffragata anche da un rapporto dell'Institute of Energy Economic of Japan (IEEJ), secondo cui l'energia nucleare è ancora la più competitiva in Giappone, anche calcolando i costi dell'incidente di Fukushima, valutati secondo le stime più pessimistiche in oltre 90 miliardi di euro.

Secondo il rapporto, negli ultimi 5 anni il costo dell'elettricità generata da fonte nucleare in Giappone è rimasto stabilmente sui 6,4 centesimi al kWh. Aggiungendo i costi di Fukushima si sale ora a 7,8 centesimi, un prezzo comunque più basso rispetto alle alternative: negli stessi 5 anni il prezzo dell'elettricità da fonti rinnovabili si è attestato mediamente sugli 8,1 centesimi al kWh. Ancora più costose le fonti fossili: il prezzo è stato in media di 9,3 centesimi al kWh. E per giunta, a differenza dell'energia nucleare, ha subito forti oscillazioni a causa della variabilità del prezzo dei combustibili: da un minimo di 8,2 centesimi a un massimo di 11.



Back to top Torna su

Commenti (1). Pagina 1 di 1


Matteo

9:55pm - Friday, 30 September 2011

Buongiorno a tutti voi. Appartengo ad un gruppo di traduttori che quotidianamente sta traducendo dal giapponese gli articoli riguardanti il nucleare che appaiono sui principali giornali nipponici, notizie e documentazioni ufficiali riguardanti l'andamento delle operazioni nel sito di Fukushima Daiichi. Nel caso potesse essere di vostro interesse, vi segnalo che il sito in cui giornalmente confluiscono gli aggiornamenti tradotti in varie lingue si chiama "Fukushima-diary". Grazie
Matteo



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su