Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



17-06-2010

Non c’è due senza tre?



Non c’è due senza tre?

All'inizio c'era la cordata Enel-EdF, quella ormai considerata "canonica", che costruirà i primi 4 reattori italiani. Il 7 giugno ha preso il via la seconda cordata, formata dalla società francese GdFSuez e dalla tedesca E.ON: l'obiettivo del piano nazionale di ricavare dall'energia nucleare il 25% dell'elettricità italiana presuppone infatti la presenza di almeno 8 reattori.

A questo progetto sembrava interessata anche la società italiana A2A: «Questa seconda cordata potrebbe parlare anche italiano», aveva affermato il numero uno Giuliano Zuccoli (nella foto). Ora però un articolo di Carlo Maciocco, della redazione di Quotidiano Energia, riferisce una nuova possibilità: l'azienda lombarda potrebbe cambiare idea e lanciare una terza cordata.

Secondo Maciocco, uno dei motivi è che il consorzio franco-tedesco, anche con la partecipazione di A2A, sarebbe troppo poco "italiano". Un secondo motivo è di ordine tecnico. La seconda cordata all'inizio sembrava puntare sul reattore americano di terza generazione avanzata AP-1000, prodotto dalla Westinghouse (società che vanta una lunga collaborazione con Ansaldo).

Ora invece E.ON e GdFSuez stanno prendendo in considerazione anche loro il modello francese EPR, quello già scelto da Enel e EdF. In questo modo gli americani sarebbero del tutto tagliati fuori dal nucleare italiano e questo, oltre che ad Ansaldo, dispiace secondo Maciocco anche allo stesso governo italiano.

Da qui l'idea di A2A di una terza cordata: i partner sarebbero, oltre a Westinghouse, la spagnola Iberdrola e un'importante società americana di cui non è stato fatto il nome. Dovrà essere abbastanza importante da fornire il grosso della tecnologia nucleare, lasciando spazio però all'"italianità" del consorzio, con la benedizione dei rispettivi governi.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su