Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Pandora's Promise (il trailer del film) di Robert Stone (regista)




EnerBlog

News



MONDO - Ambiente e salute



04-10-2011

Usa: il nucleare più efficiente fa risparmiare 40 milioni di tonnellate di CO2 all’anno



Usa: il nucleare più efficiente fa risparmiare 40 milioni di tonnellate di CO2 all’anno

Anche se il governo americano non ha ratificato il Protocollo di Kyoto, le emissioni di gas serra degli Stati Uniti sono aumentate solo del 5% fra il 1990 e il 2010. Uno dei motivi di questo aumento moderato è il grande utilizzo dell'energia nucleare, che emette bassissime quantità di anidride carbonica, e di cui gli Stati Uniti sono il primo produttore mondiale. Non solo: dalla fine degli anni Novanta la performance delle centrali è aumentata notevolmente.

Ora questo miglioramento è stato quantificato in termini ambientali: negli ultimi 10 anni i 103 reattori americani hanno permesso di ridurre le emissioni di anidride carbonica di 40 milioni di tonnellate all'anno rispetto al periodo precedente. Questo dato quindi rappresenta un'ulteriore riduzione delle emissioni, che si somma a quella che le stesse centrali garantivano in precedenza.

Lo riferisce un recente articolo, pubblicato sul sito del National Bureau of Economic Research: "Deregulation, Consolidation, and Efficiency: Evidence from U.S. Nuclear Power", scritto da Lucas Davis e Catherine Wolfram della Haas School of Business dell'Università di Berkeley.

Secondo gli studiosi, i motivi di questo miglioramento sono fondamentalmente due: è aumentata del 10% l'efficienza e si sono ridotte notevolmente la frequenza e la durata degli spegnimenti. «Negli anni Settanta i reattori nucleari americani erano operativi per il 50% del tempo. Ora questa percentuale è salita al 95%», ha spiegato Davis.

Questi due progressi, a loro volta, sono stati determinati non da misure in favore dell'ambiente, ma dal mercato: originariamente la maggior parte delle società di elettricità possedevano al massimo una o due centrali nucleari. Alla fine degli anni Novanta con la deregolamentazione del mercato si è verificato un fenomeno di aggregazione: oggi le tre società più grandi controllano oltre un terzo della potenza nucleare installata negli Stati Uniti. In un mercato deregolamentato, concludono gli autori dello studio, è diventato essenziale per i produttori di energia nucleare vendere elettricità a prezzi competitivi, e quindi migliorare l'efficienza operativa.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su