Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



28-10-2011

La Cina è interessata ai prossimi reattori romeni



La Cina è interessata ai prossimi reattori romeni

La Cina, che secondo molti osservatori prenderà nel prossimo futuro la guida dell'industria nucleare mondiale, si starebbe già apprestando a preparare uno sbarco in Europa: la prima tappa sarebbe la partecipazione ai prossimi due reattori in costruzione in Romania.

Si tratta del terzo e del quarto reattore della centrale di Cernavoda (sul Danubio, nel sud-est del Paese), ai quali parteciperà fra gli altri anche l'Enel.

Il 19 ottobre 2011 La China Guangdong Nuclear Power Corporation (CGNPC) ha firmato un accordo confidenziale con la società statale romena Nuclearelectrica per valutare un eventuale investimento. L'intesa è stata firmata nell'ambasciata romena a Pechino da Ion Ariton, ministro romeno dell'economia, della finanza e del commercio, e da Zheng Dongshan, vicepresidente della CGNPC.

L'accordo «fa parte della procedura per selezionare nuovi investitori» nella costruzione dei due nuovi reattori, ha dichiarato il ministro romeno dell'economia, della finanza e del commercio Ion Ariton.

La centrale di Cernavoda, l'unica della Romania, possiede attualmente due reattori del modello canadese Candu ad acqua pesante pressurizzata. Entrati in funzione nel 1996 e nel 2007 rispettivamente, hanno una potenza di 706 MW l'uno, e insieme contribuiscono al 18% dell'elettricità nazionale.

I due nuovi reattori, dello stesso tipo, avranno una potenza di 740 MW ciascuno e costeranno in tutto 4 miliardi di euro. L'inizio dell'attività commerciale è previsto per il 2017: a quel punto la centrale soddisferà il 40% del fabbisogno elettrico romeno. In seguito è prevista anche la costruzione di un quinto reattore.

In origine il progetto prevedeva la partecipazione al 51% della società romena EnergoNuclear, controllata dalla Nuclearelectrica, con quote minoritarie per gli altri investitori: Enel, CEZ, GDF Suez e RWE Power con il 9,15% ciascuna, Iberdrola e la romena ArcelorMittal Galati il 6,2% ciascuna. Nel gennaio 2011 però la CEZ si è ritirata dal progetto, seguita da GDF Suez, RWE e Iberdrola. Oggi quindi Nuclearlectrica possiede una quota dell'84,65%, mentre all'Enel è rimasto il 9,15% e all'ArcelorMittal Galati il 6,2%.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su