Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Pandora's Promise (il trailer del film) di Robert Stone (regista)




EnerBlog

News



MONDO - Energia



26-01-2012

I siti per le nuove centrali? Le zone militari dismesse



I siti per le nuove centrali? Le zone militari dismesse

L'idea viene dalla Repubblica Ceca, e sembra l'uovo di Colombo per aggirare la sindrome Nimby (Not In My Back Yard, cioè non nel mio giardino): le nuove centrali nucleari possono essere costruite nelle zone militari dismesse, minimizzando l'impatto sulla popolazione.

La fine della guerra fredda ha rallentato la corsa agli armamenti, e in molti casi materiali e installazioni militari sono stati riconvertiti per usi civili. È un fenomeno chiamato "trasformare le spade in aratri", usando la metafora del profeta Isaia: le stesse lame che hanno difeso un territorio ora devono servire per renderlo produttivo.

In ambito nucleare l'esempio più classico è il programma "Megatons to Megawatts", che trasforma l'uranio ad alto arricchimento contenuto nelle testate atomiche sovietiche in uranio a basso arricchimento venduto per alimentare le centrali nucleari americane.

Ora si è inserita la proposta di Václav Bartuška, supervisore del progetto di espansione della centrale nucleare di Temelín. Il governo ceco vuole potenziare il settore nucleare, per portarlo a fornire l'80% dell'elettricità nazionale (attualmente la percentuale è poco superiore al 30%): in questo modo il Paese diventerebbe il più nuclearizzato al mondo, superando anche la Francia, che ricava dall'energia nucleare il 75% del proprio fabbisogno elettrico.

Per questo i due nuovi reattori progettati nella centrale di Temelín non basteranno: servono nuove centrali, e quindi nuovi siti pronti a ospitarle. L'idea di adibire le zone militari all'ambito nucleare non è nuova, e vari siti abbandonati dall'esercito ceco erano stati presi in considerazione come possibili sedi del deposito di scorie radioattive: per esempio Hradištì (nord del Paese), Boletice (sud) e Brdy (ovest, nella foto). Sembra però che in base alle analisi sismiche e geologiche queste località potrebbero non essere idonee, e bisognerà quindi ampliare la lista delle candidature.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su