Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Ricerca



30-01-2012

Realtà virtuale nel centro di ricerca inglese



Realtà virtuale nel centro di ricerca inglese

La realtà virtuale è sbarcata nel Nuclear Advanced Manufacturing Research Centre (NAMRC), il nuovissimo centro di ricerca inglese sulle tecnologie nucleari.

Nella sede del centro a Sheffield sono stati installati due sistemi prodotti dalla società Virtalis. Il primo, chiamato ActiveCube (nella foto), è una scatola di vetro cubica di 3,2 metri di lato, che permette a due, tre o quattro persone di immergersi nella realtà virtuale: potranno navigare nel mondo virtuale, manipolando le componenti in tempo reale, con la sensazione di agire nella realtà. Il secondo apparato si chiama ActiveWall ed è un grande schermo 3D largo 4,5 metri e alto 2,8: consente a una platea di 25 persone di interagire con l'ActiveCube.

Questi strumenti saranno adibiti alla progettazione delle componenti di un impianto nucleare: il NAMRC, istituito dalle università di Sheffield e Manchester con la partecipazione del governo e di diverse imprese private (fra cui Rolls-Royce, Westinghouse, Areva, Sheffield Forgemasters e Tata Steel), è nato come centro di ricerca per «aiutare le aziende britanniche a diventare leader a livello mondiale nel campo della fabbricazione di componenti e sistemi per la prossima generazione di centrali nucleari».

In particolare, secondo Rab Scott, capo del settore realtà virtuale del NAMRC, i nuovi sistemi saranno utili per la progettazione delle grandi componenti di una centrale nucleare, pesanti fino a 50 tonnellate: le eventuali modifiche necessarie si potranno sperimentare nella realtà virtuale, per osservare come si possono integrare nel progetto.

In un secondo momento, i nuovi sistemi di realtà virtuale potranno essere usati anche per la manutenzione degli impianti e per la formazione dei tecnici.

Mauwa Lauro



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su