Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Europa: quali politiche energetiche?

- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali nucleari di carloalessi




EnerBlog

News



MONDO - Energia



01-02-2012

Anche la Francia dovrà prolungare la vita dei reattori



Anche la Francia dovrà prolungare la vita dei reattori

La Francia non ha scelta: dovrà prolungare la durata dei propri reattori nucleari, che quindi resteranno in attività per 60 anni anziché 40 come previsto originariamente. Lo afferma il rapporto "Les coûts de la filière électronucléaire", realizzato dalla della Corte dei Conti francese e pubblicato il 31 gennaio.

Dei 58 reattori oggi in funzione in Francia, infatti, ben 22 compiranno il quarantesimo anno entro il 2022: allungare la loro vita servirà al Paese per continuare ad assicurare il rifornimento di elettricità a costi ragionevoli.

Le alternative sono due, entrambe da scartare
secondo la Corte dei Conti. La prima è sostituire le centrali in età da pensione con 11 impianti di nuova generazione: un'operazione impossibile da effettuare in tempi brevi. La seconda opzione è diversificare il mix energetico: la Francia è il Paese del mondo più dipendente dall'energia nucleare, che soddisfa tre quarti del fabbisogno elettrico nazionale. Ridurre questa quota è teoricamente possibile (ed è la scelta caldeggiata dall'opposizione socialista) ma, oltre a richiedere a sua volta tempi lunghi, comporta costi elevati, che la Corte dei Conti giudica eccessivi.

In ogni caso, dato che il governo non ha intrapreso nessuna di queste due strade alternative, secondo la Corte dei Conti ha già optato implicitamente per il prolungamento: una soluzione già attuata negli Stati Uniti e in altri Paesi, e allo studio anche in Giappone.

Anche in questo caso, secondo il rapporto, saranno necessari investimenti consistenti per la manutenzione e per rinforzare le misure di sicurezza alla luce dell'incidente di Fukushima. Di conseguenza i costi della produzione potrebbero aumentare del 10%.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su