Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



02-02-2012

Decommissionamento: si estende la partecipazione delle aziende italiane



Decommissionamento: si estende la partecipazione delle aziende italiane

Si amplia la partecipazione delle aziende italiane al processo di decommissionamento delle vecchie centrali nucleari presenti sul territorio nazionale: il 2 febbraio la Sogin, società incaricata dello smantellamento degli impianti nucleari, ha firmato un accordo con l'Associazione nazionale costruttori di impianti (Assistal).

Il protocollo, firmato dall'amministratore delegato della Sogin Giuseppe Nucci e dal presidente dell'Assistal Giuseppe Gargaro, avrà una durata triennale e prevede 5 linee d'azione: informazione, formazione, assistenza, comunicazione e coinvolgimento su tematiche di comune interesse.

L'Assistal raccoglie 1500 imprese specializzate
nella progettazione, fornitura, installazione, gestione e manutenzione di impianti tecnologici e montaggi industriali. Per la Sogin il nuovo accordo è il proseguimento della politica di coinvolgimento delle realtà industriali locali nelle attività legate agli impianti nucleari italiani: il documento segue infatti la falsariga di quelli firmati nei mesi scorsi con le associazioni industriali delle province interessate dai lavori di bonifica: Vercelli, Piacenza, Latina e Caserta.

«Sono soddisfatto per l'accordo di oggi, con il quale Sogin prosegue il suo percorso di apertura alle imprese italiane. In questo momento delicato per l'economia italiana Sogin sente infatti la responsabilità, come società di Stato, di attivare tutti gli strumenti per sviluppare relazioni stabili e trasparenti con le diverse realtà imprenditoriali interessate a partecipare alla più grande bonifica ambientale nella storia del nostro Paese», ha dichiarato Nucci. Gli ha fatto eco Gargaro: «La firma di questo importante protocollo d'intesa rappresenta il punto di partenza per una collaborazione che sono certo sarà proficua e duratura, oltre che in grado di generare nuove opportunità di business per le imprese aderenti».

La collaborazione riguarderà fra le altre cose l'organizzazione di una conferenza annuale sullo stato di avanzamento dei lavori, sugli acquisti e sugli appalti. Inoltre è stata decisa, analogamente la pubblicazione di una newsletter curata dalla Sogin e rivolta alle associazioni. Nel campo della formazione saranno promossi seminari rivolti alle imprese e iniziative sul tema della sicurezza.

M.L.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su