Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali galleggianti del futuro di Massachusetts Institute of Technology (MIT)




EnerBlog

News



MONDO - Ricerca



13-02-2012

Nuova tecnica per ridurre la radioattività



Nuova tecnica per ridurre la radioattività

Viene dall'America una nuova tecnica più efficace ed economica per ridurre la radioattività: potrà essere usata per riprocessare le scorie nucleari e per bonificare i reattori danneggiati da incidenti.

La scoperta, pubblicata sul Journal of the American Chemical Society, è stata effettuata dai ricercatori dei Sandia National Laboratories del Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti, guidati da Tina Nenoff.

Gli scienziati si sono concentrati in particolare sugli isotopi radioattivi dello iodio: in particolare lo iodio 129 e lo iodio 131 sono fra le sostanze più diffuse e pericolosi fra quelle contenute nelle scorie o rilasciate dai gravi incidenti nucleari.

Per assorbire lo iodio radioattivo si usano attualmente particolari minerali, le zeoliti, che però per funzionare hanno bisogno di essere legate all'argento: i composti risultanti sono efficaci ma costosi e inquinanti.

Per questo i ricercatori americani hanno pensato a particolari composti cristallini simili alla zeolite, chiamati "strutture metallorganiche" (MOF, dall'inglese Metal-Organic Frameworks): sono materiali porosi costituiti da un nucleo centrale metallico legato a una serie di molecole organiche (la struttura è schematizzata nel disegno). Per l'assorbimento dello iodio radioattivo possono sostituire la zeolite e non hanno bisogno dell'argento.

Naturalmente, le proprietà di questi materiali variano notevolmente a seconda dei metalli e delle sostanze organiche che li compongono. Per questo Tina Nenoff e i suoi collaboratori li hanno investigati e hanno concluso che il più adatto allo scopo è una determinata sostanza chiamata ZIF-8: è la più simile alle zeoliti per quanto riguarda l'assorbimento dello iodio. È su questa sostanza che si indirizzeranno le ricerche future per applicare in pratica questi risultati.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su