Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Argonne explains nuclear recycling in 4 minutes di Argonne National laboratory (USA)




EnerBlog

News



MONDO - Scorie



24-06-2010

Francia: inaugurato il primo “crogiolo freddo” per le scorie



Francia: inaugurato il primo “crogiolo freddo” per le scorie

Nell'impianto nucleare dell'Areva a La Hague, in Normandia (Francia settentrionale) è stata inaugurata per la prima volta al mondo una nuova tecnica per il trattamento delle scorie ad alta radioattività: la vetrificazione per mezzo del crogiolo freddo.

La vetrificazione consiste nell'immettere le scorie liquide in un crogiolo riscaldato contenente vetro fuso. Una volta raffreddato, il vetro solidifica e diventa una specie di "gabbia" in cui sono inglobate le scorie, rendendone più facile la gestione e riducendo enormemente i rischi di perdite di materiale radioattivo: in questo modo si possono gestire le scorie ad alta radioattività in modo sicuro e stabile sul lungo periodo.

La novità del procedimento dell'Areva sta nell'usare un "crogiolo freddo": una tecnica usata finora per la fusione di metalli speciali e applicata ora alla vetrificazione delle scorie. Anziché fornire calore al crogiolo in cui si trova il materiale da vetrificare, si aumenta la temperatura inducendo nel crogiolo una corrente elettrica. In questo modo si possono raggiungere temperature al di sopra dei 1200 gradi, permettendo di vetrificare una più ampia varietà di scorie e in tempi più brevi. Inoltre aumenta ulteriormente la durata di vita delle attrezzature: il crogiolo potrà essere sostituito ogni dieci anni anziché ogni anno. Con questa tecnica l'impianto dell'Areva potrà trattare ogni anno le scorie prodotte da 100 reattori, quasi il doppio di tutti quelli in attività in Francia.

«Il crogiolo freddo è la dimostrazione dell'intenzione da parte dell'Areva di proseguire e rafforzare la sua politica di ricerca e sviluppo per continuare a mettere l'innovazione tecnologica a disposizione dei suoi clienti», ha dichiarato il numero uno dell'Areva, Anne Lauvergeon, inaugurando l'apparato alla presenza delle autorità locali e dei rappresentanti del Commissariat à l'Énergie Atomique francese (CEA).

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su