Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Ambiente e salute



10-04-2012

Fukushima: iniziato il rientro della popolazione evacuata



Fukushima: iniziato il rientro della popolazione evacuata

Dal mese di aprile, cioè poco più di un anno dopo l'incidente nella centrale di Fukushima Daiichi, la popolazione locale ha il permesso di rientrare in alcune delle aree evacuate nella zona intorno all'impianto.

Il provvedimento è stato deciso dalle autorità in seguito alla verifica della riduzione dei livelli di radioattività al di sotto della soglia di sicurezza di 20 millisievert all'anno in due località: Kawauchi e Tamura. In una terza città, Minamisoma, l'autorizzazione scatterà dal 16 aprile.

Gli abitanti possono ora tornare alle loro case e ai loro luoghi di lavoro liberamente, senza bisogno di permessi speciali e senza indossare equipaggiamenti protettivi. Possono esercitare qualunque attività e anche bere l'acqua del rubinetto; per il momento vige un'unica restrizione: non è permesso pernottare. I ritorni infatti, in questa fase iniziale, serviranno soprattutto per riparare gli edifici e le infrastrutture distrutti dal terremoto e dallo tsunami dell'11 marzo: un'operazione già condotta nel resto del Giappone.

Successivamente i permessi per rientrare si estenderanno alle zone più prossime alla centrale nucleare: in un'area più ristretta intorno, dove i livelli di radioattività sono compresi ancora fra 20 e 50 millisievert all'anno, attualmente è permesso entrare senza protezione ma solo per un tempo breve e per motivi speciali. Infine nella zona più colpita, dove la radioattività è ancora al di sopra dei 50 millisievert all'anno, si prevede che scenderà al di sotto della soglia di sicurezza solo nel 2016: in quest'area è possibile entrare con tute protettive ma solo per motivi di sicurezza pubblica.

Mauwa Lauro



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su