Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



24-04-2012

Ecco i contributi per i comuni nucleari



Ecco i contributi per i comuni nucleari

Con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale del 23 aprile è entrata in vigore la delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) del 14/2012 del 20 gennaio 2012: "Ripartizione dei contributi previsti per l'anno 2010 a favore dei siti che ospitano centrali nucleari e impianti del ciclo del combustibile nucleare".

Il totale dei fondi stanziati per il 2010 è di 14.668.454 euro
. I siti coinvolti sono l'ex centrale Enrico Fermi di Trino Vercellese, l'ex centrale del Garigliano, l'ex centrale di Caorso, l'ex centrale di Latina, l'impianto Eurex adibito alla ricerca sul combustibile e il Deposito Avogadro di Saluggia (Vercelli), gli impianti della Casaccia di Roma, l'impianto di fabbricazione del combustibile di Bosco Marengo (Alessandria), il centro di ricerca europeo Euratom di Ispra (Varese) e l'impianto Itrec di Rotondella (Matera) per il trattamento del combustibile.

I criteri in base al quale è stata decisa la ripartizione sono:

  • la radioattività presente nelle strutture dell'impianto, in forma di attivazione e di contaminazione
  • i rifiuti radioattivi immagazzinati nell'impianto
  • il combustibile nucleare fresco e, soprattutto, irraggiato eventualmente presente.

In base a questi parametri la cifra maggiore sarà quella destinata agli impianti di Saluggia (nella foto): 3.793.262 euro complessivi. Seguono l'ex centrale di Trino Vercellese con 2.392.425 euro e quella di Caorso con 1.927.435 euro.


La cifra destinata a ogni singolo sito sarà poi suddivisa fra i vari enti coinvolti: 50% a favore del comune che ospita il sito, 25% per la relativa provincia e 25% per i comuni confinanti, in proporzione alla superficie e alla popolazione residente nel raggio di dieci chilometri dall'impianto.

Mauwa Lauro



Back to top Torna su

Commenti (1). Pagina 1 di 1


Enrico

8:04pm - Tuesday, 24 April 2012

perchè avete messo la foto della centrale galileo ferraris di trino che va a gas?



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su