Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Pandora's Promise (il trailer del film) di Robert Stone (regista)




EnerBlog

News



MONDO - Scorie



04-06-2012

Collaborazioni internazionali per smaltire il plutonio inglese



Collaborazioni internazionali per smaltire il plutonio inglese

Il reattore a neutroni veloci Prism (Power Reactor Innovative Small Module, nel disegno), sviluppato dal gruppo General Electric-Hitachi, potrebbe essere la soluzione per smaltire il plutonio prodotto dalle centrali nucleari britanniche.

Per questo la GE-Hitachi ha sottoscritto nelle ultime settimane due accordi importanti: il primo, il 4 aprile, con il National Nuclear Laboratory britannico, e il secondo, il 29 maggio, con l'Università di Manchester. Le nuove collaborazioni puntano a potenziare la ricerca, con lo scopo di costruire di due reattori Prism da 300 MW in grado di eliminare il plutonio.

Attualmente il sito di Sellafield ospita 87 tonnellate di plutonio, prodotte dagli anni Cinquanta agli anni Novanta, ma si stima che il totale salirà a 140 tonnellate nel 2018. Nel dicembre 2011 il governo di Londra ha confermato l'intenzione di riutilizzare il plutonio anziché immagazzinarlo in un deposito definitivo, ma ha lasciato la strada aperta a tutte le opzioni tecnologiche.

Il reattore Prism è una di queste possibilità, e secondo la GE-Hitachi è la più indicata: usa il plutonio come combustibile per produrre energia elettrica. Un altro lato positivo consiste nel fatto che le scorie prodotte dal Prism non sono adatte a scopi bellici. Secondo la GE-Hitachi, il costo di un reattore Prism è paragonabile a quello di un grande reattore convenzionale.

I reattori a neutroni veloci sono stati già presi in considerazione, e alcuni modelli sperimentali sono stati costruiti in vari Paesi. Però, avverte un articolo pubblicato sulla rivista Scientific American, non hanno avuto un grande successo e questa strada è stata più volte intrapresa e poi abbandonata. La GE-Hitachi e gli enti di ricerca inglesi coinvolti sono convinti che il modello Prism, ancora in fase di sviluppo, sia adatto a superare gli ostacoli incontrati finora.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su