Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Argonne explains nuclear recycling in 4 minutes di Argonne National laboratory (USA)




EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



15-06-2012

Hitachi: in 10 anni gli affari aumenteranno del 125% nel settore nucleare



Hitachi: in 10 anni gli affari aumenteranno del 125% nel settore nucleare

Il colosso industriale giapponese Hitachi prevede una crescita formidabile per l'energia nucleare nei prossimi 10 anni: il suo obiettivo è aumentare il giro di affari nel settore del 125% entro il 2020. Lo afferma il Piano industriale di medio periodo del gruppo, pubblicato il 14 giugno.

Più precisamente, le entrate del ramo nucleare dovranno arrivare a 360 miliardi di yen (3,6 miliardi di euro): più del doppio rispetto ai 160 miliardi di yen (1,6 miliardi di euro) del 2011. Stime così ottimistiche sono basate sugli andamenti previsti in tre direzioni principali.

La prima, paradossalmente, è legata all'incidente di Fukushima del 2011: il gruppo Hitachi parteciperà in prima fila alle operazioni di medio e lungo periodo per riportare alla normalità la situazione nella centrale danneggiata. In particolare le attività previste sono la rimozione del combustibile dalle vasche del quarto reattore, la collocazione del materiale in depositi temporanei ed eventualmente lo smantellamento della centrale.

La seconda direzione verso cui si rivolgerà la strategia industriale del gruppo è il mercato interno: continuerà a fornire prodotti e servizi per le centrali nucleari giapponesi, ma soprattutto punterà sulla ricerca, per contribuire a sviluppare una nuova generazione di reattori con standard di sicurezza più elevati. La linea di azione principale consisterà nel migliorare ulteriormente il modello di terza generazione ABWR (nella foto), già presente da tempo nelle centrali giapponesi di Kashiwazaki-Kariwa, Hamaoka e Shika.

Infine, il mercato più promettente è quello estero: secondo il piano industriale, «l'energia nucleare è uno strumento efficace per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, e l'azienda la promuoverà venendo incontro alla richiesta in tutto il mondo». Il primo progetto sarà la nuova centrale lituana di Visaginas, per la quale la General Electric-Hitachi si è già aggiudicata il bando.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su