Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Europa: quali politiche energetiche?

- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Uranio e combustibile



11-07-2012

Riconvertite 450 tonnellate di uranio delle bombe russe



Riconvertite 450 tonnellate di uranio delle bombe russe

Ha raggiunto la quota di 450 tonnellate di uranio, pari a 18.000 testate atomiche, il programma "Megatons to Megawatts", il progetto congiunto fra Russia e Stati Uniti per riciclare l'uranio delle bombe atomiche russe dismesse e ricavarne combustibile per le centrali nucleari americane.

Lo ha annunciato un comunicato della United States Enrichment Corporation (Usec), la società americana che gestisce il progetto. Il programma è ora completo al 90%: il totale finale previsto è di 500 tonnellate, pari a 20.000 testate atomiche, e sarà raggiunto nel 2013.

L'accordo era stato firmato nel 1995 dall'Usec e dalla società statale russa Tenex. Da allora il combustibile ricavato dalle bombe russe ha generato fino al 10% dell'elettricità prodotta negli Stati Uniti.

Il programma "Megatons to Megawatts" viene spesso citato come una versione moderna e tecnologica dell'incitamento del profeta Isaia a «trasformare le spade in aratri»: la stessa lama che serviva per uccidere può essere usata per il benessere della popolazione. Il vantaggio dell'operazione è doppio: come ha dichiarato John Welch, presidente dell'Usec, «per quasi 20 anni il programma ha costituito una fonte affidabile di combustibile per le centrali nucleari, e allo stesso tempo ha ridotto la quantità rimanente al mondo di uranio ad alto arricchimento adatto all'uso bellico».

Quando scadrà il contratto, però, le autorità russe stanno valutando l'eventualità di non rinnovarlo: continueranno a trasformare l'uranio delle bombe in combustibile per i reattori, ma senza più l'esclusiva con gli americani. Nel frattempo gli Stati Uniti stanno valutando di ricavare combustibile anche dal plutonio delle bombe americane.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su