Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Sondaggi e consultazioni



12-07-2010

La maggioranza degli inglesi favorevoli a nuove centrali



La maggioranza degli inglesi favorevoli a nuove centrali

Sono favorevoli alla costruzione di nuove centrali nucleari il 51% degli abitanti della Gran Bretagna, contro un 31% di contrari e un 18% di indecisi. Lo rivela un sondaggio realizzato dalla società di statistica Angus Reid.

La decisione del nuovo governo britannico di proseguire il programma nucleare avviato dalla precedente amministrazione laburista ha dunque il sostegno dei cittadini.

Anche sull'obiettivo a lungo termine di ridurre le emissioni di gas serra, secondo gli inglesi il nucleare è la strada giusta: il 44% pensano che il Paese dovrebbe proseguire questa strategia, contro il 37% secondo cui il governo dovrebbe abbandonarla per puntare con decisione solo sulle rinnovabili.

Dal punto di vista geografico, le zone più filonucleari sono l'Inghilterra del Sud e l'Inghilterra del Nord (con percentuali di favorevoli del 56% e del 54% rispettivamente), mentre le più tiepide (fra il 45% e il 48% di favorevoli) sono la città di Londra, la Scozia, il Galles e l'Inghilterra centrale: in sostanza l'opinione della popolazione è dunque abbastanza omogenea in tutta la Gran Bretagna.

Rispetto a un sondaggio precedente, condotto nel novembre 2009, la differenza più significativa è un aumento degli indecisi. Sono invece ancora molto sicuri gli inglesi quando si tratta dei timori legati alle centrali nucleari: il 75% sono molto o abbastanza preoccupati per il problema della gestione delle scorie, contro un 19% di preoccupati poco o per niente e un 6% di incerti.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su