Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Argonne explains nuclear recycling in 4 minutes di Argonne National laboratory (USA)




EnerBlog

News



MONDO - Uranio e combustibile



31-07-2012

Le risorse di uranio dureranno più di 100 anni



Le risorse di uranio dureranno più di 100 anni

Le centrali nucleari di tutto il mondo avranno a disposizione uranio in abbondanza anche sul lungo periodo: oltre 100 anni. Lo riferisce il rapporto "Uranium 2011: Resources, production and demand": la ventiquattresima edizione del cosiddetto "Libro rosso" sulle risorse di uranio, pubblicato ogni due anni dall'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea) in collaborazione con la Nuclear Energy Agency (NEA) dell'Ocse.

I dati del documento, aggiornati al primo gennaio 2011, indicano nel biennio 2009-2010 un aumento del 12,5% delle riserve di uranio individuate. Inoltre continuerà l'approvvigionamento da fonti secondarie: l'uranio ricavato per esempio dalle bombe atomiche russe dismesse o dal riprocessamento delle scorie nucleari.

Anche la produzione mondiale di uranio è cresciuta nel biennio: in questo caso l'aumento è del 25%, dovuto principalmente all'accelerazione del Kazakistan, sempre più primo produttore mondiale, ma in piccola parte anche all'ingresso di due nuovi Paesi produttori, la Germania e il Malawi.

Anche per il futuro il rapporto prevede un aumento della produzione, a causa della crescita dell'energia nucleare a livello globale: nonostante l'incidente di Fukushima, la produzione di elettricità delle centrali nucleari di tutto il mondo nel 2035 salirà dai 375.000 MW del 2010 a 540.000 MW nello scenario di minore domanda o addirittura a 746.000 MW nello scenario di maggiore domanda, con un aumento rispettivamente del 44% o del 99%. L'espansione riguarderà soprattutto Cina, India, Corea del Sud e Russia.

Di conseguenza, la produzione annua di uranio passerà dalle 63.875 tonnellate del 2010 alle 98.000 tonnellate o 136.000 tonnellate (rispettivamente secondo il primo e il secondo scenario).

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su