Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



23-07-2010

La Westinghouse insiste per le centrali italiane



La Westinghouse insiste per le centrali italiane

La società americana Westinghouse, una delle principali produttrici di reattori nucleari al mondo, ricandida con forza il proprio modello AP1000 per le centrali nucleari italiane. «Riteniamo che l'impianto AP1000 sia la soluzione migliore per le ambizioni nucleari italiane», ha dichiarato Gary Shuttleworth, responsabile dei progetti in Europa della Westinghouse.

L'occasione è stata la visita, il 21 luglio, del ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo e del sottosegretario allo sviluppo economico Stefano Saglia alla sede del gruppo americano di Pittsburgh (Stati Uniti orientali): agli esponenti del governo italiano sono stati illustrati i programmi aziendali per l'Europa e l'esempio della Cina: quattro reattori AP1000 in costruzione, di cui il primo entrerà in attività nel 2013.

L'obiettivo del piano italiano di ricavare dall'energia nucleare il 25% dell'elettricità nazionale presuppone almeno otto centrali. Per le prime quattro la joint-venture Enel-Edf ha già scelto il modello francese EPR, ma la seconda cordata, formata dalla società francese GdFSuez e dalla tedesca E.ON, non si è ancora pronunciata: è proprio su questa seconda tornata che si concentra la strategia della Westinghouse. La società americana infatti collabora già a livello internazionale sia con la GdFSuez sia con la E.ON.

In ambito italiano, le collaborazioni più intense sono con Ansaldo Nucleare, che potrebbe aumentare notevolmente la sua partecipazione al programma nucleare italiano. A questo proposito Shuttleworth ha aggiunto: «Puntiamo a estendere nel tempo le partnership già esistenti e a crearne di nuove con le società italiane con le quali già cooperiamo».

La visita americana di Saglia e Prestigiacomo ha fatto tappa anche a Washington dove, in margine al Forum internazionale sull'energia, l'ISPRA (Istituto Superiore di Protezione e Ricerca Ambientale) ha firmato un accordo sulla sicurezza nucleare: il terzo per l'Italia, dopo quelli stipulati con la Francia e la Slovenia.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su