Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Pandora's Promise (il trailer del film) di Robert Stone (regista)




EnerBlog

News



ITALIA - Politica



24-08-2010

Dobbiamo coinvolgere le Regioni. Anzi no



Dobbiamo coinvolgere le Regioni. Anzi no

La scelta dei siti nucleari italiani dovrà essere fatta in collaborazione con le Regioni: «Il percorso con i territori deve essere di condivisione e non di imposizione militaresca», ha dichiarato il sottosegretario allo sviluppo economico Stefano Saglia nel corso del meeting sul futuro dell'energia organizzato a Rimini il 23 agosto.

La dichiarazione di Saglia, di fatto il numero uno del ministero dopo le dimissioni del ministro Claudio Scajola, non è però frutto di una sua personale convinzione, anzi: è dovuta alla riforma del V titolo della Costituzione, che secondo il sottosegretario «ci ha costretto a inserire nel percorso verso il nucleare anche l'intesa con le Regioni».

Per sostenere questo punto di vista Saglia ha citato anche la Corte Costituzionale, che ha respinto i ricorsi presentati dalle Regioni contro la delega al governo in materia di nucleare. Per questo, nel caso in cui non si trovasse un accordo, il governo potrebbe comunque prendere le sue decisioni e farle valere di autorità, ma per il sottosegretario «è un'evenienza che vorremmo scongiurare».

È stato meno diplomatico Giuliano Zuccoli, presidente del Consiglio di gestione di A2A, che in occasione dello stesso incontro riminese ha affermato: «La scelta dei siti sarà il momento nodale, il punto critico, un passaggio importante. Che deve fare il governo, non certo le amministrazioni locali».

Quello su cui tutti sono d'accordo è la necessità dell'energia nucleare per l'Italia: «Dobbiamo capire che tutte le energie sono essenziali, nucleare compreso. Prendo atto con soddisfazione che su questo c'è in Parlamento una maggioranza più ampia di quella del governo», ha affermato Scajola. «È una forma di energia indispensabile: non inquina, costa poco e chiede investimenti che mettono in moto tutto il Paese», ha rilanciato Zuccoli. «Dobbiamo sviluppare tutte le tecnologie disponibili per ottenere energia ampiamente disponibile e a basso costo», ha aggiunto Fulvio Conti, amministratore delegato di Enel, che ha ricordato l'importanza di un programma nucleare solido e a lungo termine: «Vi immaginate cosa accadrebbe se un cambio di governo fermasse il progetto dopo che è stato avviato?».

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su