Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Scorie



02-09-2010

Anche gli Stati Uniti ricicleranno le scorie?



Anche gli Stati Uniti ricicleranno le scorie?

Anche gli Stati Uniti stanno prendendo seriamente in considerazione l'idea del riciclo del combustibile nucleare usato. Dopo l'abbandono, da parte del presidente Barack Obama, dell'ipotesi di un deposito unico di scorie a Yucca Mountain, la commissione  nominata dal segretario all'energia Steven Chu per decidere una nuova strategia nazionale sta ascoltando le opzioni migliori secondo gli esperti. E proprio il riciclo sembra una delle più apprezzate.

Parlando alla commissione, Alan Hanson, vicepresidente del settore combustibile esaurito della filiale americana dell'Areva, ha ricapitolato i vantaggi di questa scelta: riduzione del 75% della quantità di scorie di alto livello (le più radioattive) e del 90% della loro tossicità. Soprattutto, Hanson ha sottolineato che il riciclo comporterebbe una maggiore disponibilità di combustibile: «Se si riciclassero le 60.000 tonnellate di scorie degli Stati Uniti, si produrrebbe l'equivalente di 8 anni di rifornimento di combustibile per tutti i 104 reattori americani».

Per tutti questi motivi molti Paesi, fra cui la Francia, il Regno Unito, la Russia e il Giappone, da tempo riciclano le proprie scorie e offrono lo stesso servizio ad altri Paesi, fra cui l'Italia: importano il combustibile esaurito e lo restituiscono dopo averlo riciclato.

L'unico lato negativo, per cui gli Stati Uniti si sono finora rifiutati di riciclare il combustibile, è il rischio teorico di proliferazione nucleare. Escludendo l'eventualità che il materiale nucleare americano cada in mani pericolose, secondo Hanson «l'unica ragione rimanente contro il riciclo è che l'esempio potrebbe essere seguito da altri Paesi. Ma questa politica finora non ha impedito che la Russia, il Giappone, la Francia e il Regno Unito costruissero impianti per il riciclo, né in futuro lo impedirà alla Cina o all'India».

In precedenza, anche Jack Fuller, amministratore delegato del gruppo General Electric-Hitachi Nuclear Energy, si era pronunciato a favore del riciclo di fronte alla commissione: «L'attuale approccio americano altera la percezione dell'energia nucleare da parte dell'opinione pubblica, ostacola lo sviluppo economico, penalizza la programmazione a lungo termine e spreca decenni di ricerca tecnologica». La soluzione secondo lui è chiara: «Ci fanno credere che il problema delle scorie sia troppo complesso, ma concettualmente non è più difficile di quello dei rifiuti domestici: riciclarli e riutilizzarli».

Per gli Stati Uniti sarebbe anche l'opportunità per riprendere la testa della ricerca tecnologica: «Un impianto americano per il riciclo non sarebbe la semplice copia di quelli inglesi, francesi o giapponesi, ma sfrutterebbe le tecnologie più avanzate», ha concluso Hanson.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su