Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Europa: quali politiche energetiche?

- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali nucleari di carloalessi




EnerBlog

News



MONDO - Nucleare per altri usi



13-09-2010

Riparte anche il reattore olandese per gli isotopi medici



Riparte anche il reattore olandese per gli isotopi medici

Dopo uno stop di 6 mesi per manutenzione, è rientrato in attività a Petten (Olanda) il reattore High Flux Reactor (HFR), che produce isotopi medici usati per la diagnostica, la cura del cancro e la terapia del dolore.

Il ripristino dell'HFR arriva poche settimane dopo quello dell'altro grande reattore per gli isotopi medici: quello di Chalk River (Canada). «Dato che i due più importanti reattori per la produzione di isotopi medici sono stati fermi nello stesso periodo, il mondo della sanità ha dovuto affrontare difficoltà di rifornimento, con liste di attesa più lunghe per i pazienti», ha dichiarato Fred Verzijlbergen, presidente dell'Associazione olandese di medicina nucleare.

A regime, infatti, il reattore di Petten soddisfa il 60% della domanda europea e il 30% di quella mondiale: ogni giorno, 24.00 pazienti sono trattati con isotopi prodotti a Petten. Il reattore canadese a sua volta fornisce quasi il 40% della produzione mondiale: insieme i due reattori coprono oltre due terzi del fabbisogno.

«Siamo perfettamente consapevoli della nostra grande responsabilità sociale, e siamo perciò molto felici di poter riprendere il nostro lavoro», ha aggiunto Rob Stol, direttore generale del Nuclear Research and Consultancy Group (NRG), che gestisce il reattore.

In Olanda, intanto, sono iniziati i lavori per la costruzione del reattore che sostituirà l'HFR: si chiamerà Pallas (dal nome di Pallade Atena, dea greca della saggezza) e sarà costruito anch'esso a Petten. La scelta è caduta di nuovo su Petten proprio perché già dotata delle infrastrutture nucleari necessarie per la gestione del reattore e per la lavorazione dei suoi prodotti, oltre che per la presenza di molti esperti nel campo della tecnologia nucleare. Secondo l'NRG Pallas sarà costruito entro il 2015 e andrà a regime entro il 2016.

«Sono felice che questo momento difficile sia finito, ma ora abbiamo bisogno del nuovo reattore Pallas, per evitare che una situazione di questo genere possa ripetersi in futuro», ha concluso Verzijlbergen.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su