Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali galleggianti del futuro di Massachusetts Institute of Technology (MIT)




EnerBlog

News



MONDO - Uranio e combustibile



15-09-2010

Riciclato dalle bombe russe uranio pari a 16.000 testate



Riciclato dalle bombe russe uranio pari a 16.000 testate

«Trasformare le spade in aratri» era il grido lanciato dal profeta Isaia: la stessa lama che serviva per uccidere può essere usata per il benessere della popolazione. Una delle versioni moderne più fedeli all'auspicio del profeta è il programma "Megatons to Megawatts" (Da Megatoni a Megawatt): l'uso delle testate atomiche russe dismesse per produrre uranio destinato alle centrali nucleari americane.

L'accordo era stato firmato nel 1995 dalla società americana Usec e dalla russa Tenex. Ora un comunicato della Usec quantifica le "spade" eliminate in 15 anni: finora sono state riciclate 400 tonnellate di uranio arricchito, l'equivalente di 16.000 testate atomiche.

L'energia prodotta con questo combustibile è l'equivalente di 10 miliardi di barili di petrolio, pari a 3 volte le importazioni annuali americane, e sarebbe sufficiente a soddisfare per 610 anni il fabbisogno elettrico di una città come Boston o Seattle.

«Per più di 15 anni l'Usec e la Tenex hanno collaborato per rifornire i reattori americani e allo stesso tempo ridurre il rischio di proliferazione nucleare in tutto il mondo. I nostri sforzi congiunti hanno reso il mondo più sicuro, hanno avvantaggiato i consumatori americani e hanno ridotto le emissioni di gas serra», ha commentato John Welch, presidente della USEC.

Nel 2013, alla scadenza del programma, il totale di uranio trasformato sarà di 500 tonnellate, pari a 20.000 testate atomiche, per una contropartita di oltre 6 miliardi di euro (di cui 5 già versati).

Quando scadrà il contratto, però, le autorità russe hanno fatto sapere di non volerlo rinnovare: continueranno a trasformare l'uranio delle bombe in combustibile per i reattori, ma senza più l'esclusiva con gli americani. Nel frattempo gli Stati Uniti stanno valutando di ricavare combustibile anche dal plutonio delle bombe americane.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su