Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Nucleare per altri usi



11-10-2010

La Russia prepara una flotta nucleare artica



La Russia prepara una flotta nucleare artica

Per espandersi nel Mar Glaciale Artico, e appropriarsi delle grandi ricchezze di gas naturale e petrolio che contiene, la Russia pensa a una flotta di imbarcazioni a propulsione nucleare. Da un lato vuole potenziare la sua dotazione di rompighiaccio nucleari, dall'altro punta a dotarsi di una dozzina di "centrali nucleari galleggianti": navi provviste di reattori che funzionano non solo per la propulsione ma anche per rifornire di energia le piattaforme offshore.

La prima centrale galleggiante, battezzata Akademik Lomonosov, è stata già costruita e salperà da San Pietroburgo nel 2012.

«Lavorare nell'Artide è complicato e molto pericoloso: dobbiamo essere sicuri che le nostre basi abbiano un rifornimento energetico affidabile. Le centrali galleggianti possono creare le condizioni per esplorare la banchisa e insediare piattaforme per l'estrazione di gas e petrolio», ha spiegato Sergei Zavialov, vicedirettore della società energetica Rosenergoatom.

Ognuna di queste navi costerà circa 300 milioni di euro; sarà in grado di fornire elettricità e riscaldamento a una comunità di 45.000 persone e potrà restare sul posto per 12 anni consecutivamente. Secondo i piani, all'inizio saranno posizionate lungo la costa artica russa, ma in seguito potranno essere spostate gradualmente al largo, in direzione del Polo Nord, in prossimità dei giacimenti più promettenti.

Nel frattempo l'Atomflot, la sussidiaria della società nucleare statale Rosatom che si occupa dei rompighiaccio, ha inaugurato un nuovo centro di formazione a Murmansk, la base della flotta artica russa: in questo modo, secondo i dirigenti, si potrà addestrare il personale sul posto, evitando la spola con San Pietroburgo e risparmiando così tempo e denaro.

Nell'estate 2010 intanto due rompighiaccio, la Rossija e la 50 Let Pobedy, hanno aperto per la prima volta la rotta artica alle navi di grande stazza: hanno scortato da Murmansk alla Cina la nave cisterna Baltica, che trasportava gas condensato.

Proprio il trasporto di materie prime è l'altra frontiera per la navigazione artica russa: «Siamo convinti che la rotta artica sia transitabile per 5 o 6 mesi all'anno. E se costruiamo navi più potenti e più adatte, e tracciamo le rotte migliori possibili, possiamo anche allargare questa finestra», ha dichiarato Sergei Frank, capo esecutivo della Sovcomflot, proprietaria della Baltica.

La costruzione di metaniere a propulsione nucleare non è un'idea nuova, e ora è stata presa nuovamente in considerazione anche dalla multinazionale inglese Babcock.

Secondo la Babcock, sono diverse le ragioni che motivano un rinnovato interesse per la navigazione commerciale a propulsione nucleare: la preoccupazione per le emissioni di gas serra, l'aumento del prezzo dei combustibili fossili e infine l'esperienza che ne conferma sempre più la fattibilità tecnica.

Paolo Gangemi



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su