Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



12-10-2010

Gli incentivi americani non sono sufficienti



Gli incentivi americani non sono sufficienti

Nonostante l'appoggio del presidente Barack Obama, il rinascimento nucleare ha avuto una battuta d'arresto proprio negli Stati Uniti: la società Constellation si è ritirata dal progetto per la costruzione di un reattore EPR nella centrale di Calvert Cliffs, sulla costa atlantica. Motivo: le condizioni economiche proposte dal governo sono «inaccettabili». In altre parole, gli incentivi decisi dall'amministrazione Obama non sono stati considerati sufficienti.

Il Dipartimento dell'energia aveva messo a disposizione 7,5 miliardi di dollari (5,4 miliardi di euro) in prestiti garantiti: il governo aveva cioè promesso, nel caso che l'azienda non fosse stata in grado di pagare il debito contratto per il progetto, di assumersene fino all'80%.

La Constellation non ha però trovato convincenti alcune clausole apparentemente secondarie: il Dipartimento dell'energia avrebbe infatti imposto alla società una tassa pari all'11,6% del totale, cioè 880 milioni di dollari (635 milioni di euro). Questa cifra sarebbe andata poi ad aggiungersi agli interessi da pagare sul debito: «Questo chiaramente distruggerebbe l'economia del progetto», ha dichiarato Michael Wallace, presidente della Constellation. Wallace ha detto di apprezzare gli incentivi del Dipartimento dell'energia, ma ha lamentato che l'Office of Management and Budget non sia stato in grado di affrontare i problemi per valutare il costo effettivo del progetto. «Le prospettive per una soluzione ragionevole rimangono del tutto incerte», ha concluso Wallace.

Il partner della Constellation nel progetto, la francese Edf, è al corrente della situazione ma non ha voluto commentare.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su