Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (gennaio 2013)

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



25-10-2010

Per il trasporto delle scorie la Russia si affida alla Fincantieri



Per il trasporto delle scorie la Russia si affida alla Fincantieri

La Russia si affiderà a una nave italiana, costruita dalla società Fincantieri, per il trasporto delle scorie nucleari. Lo ha confermato un comunicato del Ministero dello sviluppo economico, riferendo dell'incontro fra il ministro Paolo Romani e il ministro russo dell'industria e del commercio Viktor Khristenko. L'incontro, avvenuto a Roma il 22 ottobre, si è concentrato sulla collaborazione industriale fra Italia e Russia soprattutto sulle tecnologie di punta.

La Fincantieri ha fabbricato una nave appositamente per il trasporto delle scorie russe. Il varo avverrà a metà dicembre: per l'occasione Romani ha invitato Khristenko ad assistere all'evento. Le scorie nucleari in questione derivano dallo smantellamento dei sommergibili nucleari della marina militare russa.

Secondo il comunicato, dall'incontro sono emerse «la forte sintonia e l'eccellente collaborazione nell'ambito del partneriato strategico, ormai consolidato, tra Italia e Russia anche nel settore economico e industriale».

Parlando delle nuove tecnologie, Khristenko ha insistito in particolare sui settori dello spazio, del nucleare, del farmaceutico-sanitario, dell'efficienza energetica e dell'informatica, in cui ci sarà «ampio spazio per gli investimenti italiani, che non vedranno protagonisti soltanto le grandi imprese ma anche un ampio tessuto delle piccole e medie imprese italiane».



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:

(max 2000 caratteri)

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su