Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



28-10-2010

Accordo trovato per la centrale di Calvert Cliffs



Accordo trovato per la centrale di Calvert Cliffs

Si è sbloccata la situazione della società UniStar, la joint venture fra la francese EdF e l'americana Constellation che vuole costruire il terzo reattore della centrale di Calvert Cliffs, nel Maryland (costa orientale degli Stati Uniti). La Constellation, dopo aver annunciato di volersi ritirare dall'affare, ha ora firmato un accordo per vendere la sua metà della UniStar a EdF per 140 milioni di dollari (100 milioni di euro): il gruppo francese avrà così il 100% delle azioni.

Nell'ambito dell'operazione EdF acquista, oltre al terzo reattore di Calvert Cliffs e a un eventuale quarto reattore, anche altri due siti nucleari: Nine Mile Point e R.E. Ginna, entrambi nello Stato di New York. La Constellation mantiene invece i primi due reattori di Calvert Cliffs.

Il nuovo reattore sarà del modello francese Epr, lo stesso scelto dal consorzio Enel-EdF per i primi 4 impianti italiani. La Constellation si era chiamata fuori perché giudicava insufficienti i prestiti garantiti offerti dal governo degli Stati Uniti.

L'accordo è stato accolto con favore dalle autorità locali: Steny Hoyer, deputato del Maryland al Congresso di Washington, si è detto soddisfatto, aggiungendo di sapere che anche i vertici dello Stato «si uniranno a me nel salutare questo sviluppo della situazione e nel voler lavorare con tutte le parti coinvolte al proseguimento del progetto».

Il governatore del Maryland, Martin O'Malley, si era già dichiarato favorevole alla costruzione del reattore, a aveva anzi partecipato a incontri ufficiali con le autorità federali e i dirigenti di EdF per tenere in vita il progetto. Il terzo reattore infatti ridurrà la dipendenza energetica del Maryland dalle importazioni, e creerà 4000 nuovi posti di lavoro.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su