Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Formazione/comunicazione



02-11-2010

Il nucleare in cinque appuntamenti



Il nucleare in cinque appuntamenti

Non ci può essere un programma nucleare senza il coinvolgimento del mondo accademico, industriale e soprattutto del pubblico generale. Per questo Enel e EdF hanno avviato una serie di incontri sul tema "L'energia nucleare accende la ricerca". Il primo appuntamento si è tenuto il 29 ottobre a Genova, con la partecipazione di Livio Vido, direttore della Divisione ingegneria e innovazione di Enel e di Yves Garcier, responsabile Qualità della vita e salute dei lavoratori di EdF.

In margine all'incontro Vido, intervistato dal quotidiano "Il Secolo XIX", ha spiegato le ragioni dell'iniziativa: «Il dibattito sul nucleare è condizionato da considerazioni irrazionali che fanno leva sull'emotività. Noi vogliamo riportarlo in ambito scientifico, con l'obiettivo di dare a tutti un'informazione corretta».

E Vido ha iniziato in prima persona: parlando della sicurezza delle centrali, uno dei timori più sentiti, ha spiegato che sommando i circa 440 reattori commerciali in funzione al mondo si totalizzano 10.000 anni di esercizio senza incidenti significativi.

Altrettanto esagerate sono le paure per quanto riguarda le scorie: «Una centrale Epr produce l'equivalente di un container (o uno e mezzo) l'anno di scorie a bassa e media radioattività. Per i rifiuti ad alta attività sono necessari quattro anni di esercizio per riempire un container». Anche sulla disponibilità di combustibile Vido è tranquillizzante: «Stimando una crescita dei consumi, non dunque ai tassi attuali, si prevede un potenziale di risorse di uranio per 300 anni».

Infine, dal punto di vista economico, il nucleare porterà «una riduzione dei costi in bolletta compresa tra il 20 e il 30%». Inoltre Vido ha confermato che non ci sarà bisogno di incentivi pubblici. Neanche gli aumenti dei costi registrati nei primi cantieri in Francia e in Finlandia devono far temere aumenti simili: anzi, si potrà «beneficiare di quelle esperienze quando si tratterà di avviare i cantieri in Italia».

I prossimi appuntamenti sono fissati nelle Università di Palermo (11 novembre), Torino (16 novembre), Pisa (24 novembre) e Bologna (3 dicembre).



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su