Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Pandora's Promise (il trailer del film) di Robert Stone (regista)




EnerBlog

News



ITALIA - Formazione/comunicazione



15-11-2010

Consenso e formazione: l’incontro di Palermo



Consenso e formazione: l’incontro di Palermo

L'Università di Palermo, una delle sedi storiche della ricerca nucleare in Italia, è tornata per un giorno protagonista: l'11 novembre ha ospitato il secondo incontro della serie "L'energia nucleare accende la ricerca", organizzata da Enel e EdF. Dopo il primo appuntamento, tenuto a Genova il 29 ottobre, il roadshow è sbarcato nella sede palermitana di Palazzo Steri (nella foto) per parlare di energia nucleare, ricerca, indotto economico e consenso.

Il tema più delicato è l'accettazione da parte della popolazione. Ne ha parlato Laura Giovannini, responsabile della Comunicazione nucleare Enel: «In Italia c'è scetticismo da parte della gente che, spaventata, vede nel nucleare il mostro da cui difendersi. Ma questo è il prodotto di una sbagliata informazione che non rende giustizia sui benefici di questo tipo di energia e sulla sicurezza degli impianti».

Il risultato di questo clima è che «il 30% della gente è del tutto contraria alle centrali nucleari, mentre i "possibilisti", quelli che ne riconoscono l'utilità ma non vorrebbero i reattori "nel giardino di casa", sono il 60%». Perciò diventa fondamentale una campagna di comunicazione adeguata, per dare alle singole persone gli strumenti necessari per formulare un giudizio più argomentato.

L'altro grande tema dell'incontro è stato il rapporto fra il mondo dell'università, della ricerca e del lavoro: secondo Fabrizio Micari, preside della Facoltà di ingegneria, «il rapporto che stiamo stringendo con Enel è strategico per il futuro di Palermo. Stiamo cercando da diverso tempo di trovare un collegamento con il mondo delle imprese, ed Enel è sicuramente un partner importante: vogliamo accompagnare gli studenti nel passaggio tra lo studio e l'impiego, organizzando dei "Recruiting Day" con le aziende».

«Per i nostri laureati il nucleare è un'ottima occasione di occupazione», ha aggiunto Giuseppe Vella, direttore del dipartimento di Ingegneria nucleare dell'Università.

I prossimi appuntamenti sono fissati nelle Università Torino (16 novembre), Pisa (24 novembre) e Bologna (3 dicembre).



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su