Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese


Le centrali nucleari di carloalessi




EnerBlog

News



ITALIA - Industria/economia



10-12-2010

Le centrali italiane saranno costruite al 70% da imprese lombarde



Le centrali italiane saranno costruite al 70% da imprese lombarde

Il progetto delle prossime centrali nucleari italiane sarà francese o americano, ma le forniture saranno in gran parte italiane: le industrie lombarde saranno in grado di fornire fino al 69% di ogni centrale. Lo afferma uno studio condotto da Euroimpresa, l'Agenzia di sviluppo territoriale che promuove il Distretto dell'energia dell'Alto milanese, a partire da un'analisi del Centro studi di Confindustria.

Tradotto in termini economici questo vuol dire che sui 3,8 miliardi previsti per un reattore da 1600 MW, come l'EPR francese, 2,64 miliardi andranno alle imprese del distretto lombardo.

Per ogni centrale, secondo Euroimpresa, l'affare più sostanzioso verrebbe dalle opere civili (isola nucleare e convenzionale e torri di raffreddamento), per un totale di 800 milioni di euro. Quasi altrettanto valgono le forniture termomeccaniche (subforniture, generatore di vapore, ciclo termico, turbina a vapore, semilavorati e componenti meccaniche dell'isola nucleare): 750 milioni. Per l'isola nucleare e quella convenzionale si aggiungono poi 450 milioni per l'installazione e il montaggio e 400 milioni per il contratto Epc (Engineering, Procurement and Construction), tra ingegneria e impiantistica. Infine la valutazione è di 180 milioni per la componentistica elettrica e 60 milioni per strumentazione e sistemi di controllo.

«Le stime sono indicative perché la localizzazione del sito condiziona i costi. Si tratta di un calcolo di massima per il sistema lombardo, a prescindere dall'individuazione dell'area. L'incarico a un main contractor lombardo per le opere civili, per esempio, non impedisce che questi possa acquisire servizi e subforniture altrove», ha spiegato al Sole 24 Ore Giovanni Minelli, technical supervisor di Euroimpresa.

Per diverse delle imprese coinvolte l'industria nucleare non è un salto nel buio: molte infatti partecipano già ai cantieri delle centrali EPR in costruzione a Flamanville (Francia) e Mochovce (Slovacchia).

«Chi oggi lavora nel nucleare deve poter vantare una struttura ben organizzata, perché significa lavorare esclusivamente con l'estero. Produrre una centrale in Italia sarebbe un'occasione per allargare il mercato interno e un'ottima referenza per andare sui mercati stranieri», ha concluso Minelli.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su