Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Politica



16-12-2010

Come dovranno essere le centrali italiane



Come dovranno essere le centrali italiane

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) ha reso nota la direttiva con i requisiti tecnici che dovranno essere soddisfatti dalle prossime centrali nucleari italiane.

Il parametro fondamentale è l'impiego di reattori di terza generazione, cioè con «sistemi di protezione, di controllo e di sicurezza dell'impianto in grado di migliorare, rispetto ai reattori nucleari della medesima filiera tecnologica in esercizio nei principali Paesi industrializzati [..] la prevenzione di possibili eventi incidentali e la mitigazione delle loro conseguenze, nonché il grado di protezione per il personale di esercizio, le popolazioni e l'ambiente».

La delibera raccomanda poi i criteri dell'efficienza nell'uso del combustibile e della riduzione dell'impatto ambientale. Sono richieste inoltre la collaborazione con industrie «in possesso delle competenze per la progettazione e la gestione dell'impianto» e l'esistenza di impianti analoghi in Paesi industrializzati. Infine gli impianti dovranno avere una durata della vita operativa «non inferiore ai sessanta anni».

Fra i modelli di terza generazione il Cipe non spinge verso un reattore particolare. Anzi, la relazione tecnica che accompagna la delibera esamina tutti i principali progetti esistenti: la categoria ad acqua pressurizzata, che comprende i favoriti, cioè l'EPR dell'Areva e l'AP1000 della Westinghouse, e quella ad acqua bollente, cioè l'ESBWR della General Electric e l'ABWR (l'unico modello di terza generazione già in attività, in Giappone).

I reattori di quarta generazione non sono invece considerati, in quanto «la loro fattibilità tecnologica sarà presumibilmente definita a progetto solo nell'arco dei prossimi due decenni. Il prototipo commerciale necessario per la verifica del progetto sarà verosimilmente disponibile nel corso dell'ulteriore decennio successivo».

La delibera del Cipe passerà ora all'esame della Conferenza unificata.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su