Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Industria/economia



11-01-2011

Nasce colosso nucleare americano



Nasce colosso nucleare americano

Due fra le più importanti società americane di energia elettrica, Duke Energy e Progress Energy, hanno deciso di fondersi, dando vita alla più grande società di tutti gli Stati Uniti nel settore dell'energia e in particolare del nucleare.

La fusione sarà perfezionata in tutti i dettagli entro la fine del 2011. La nuova società manterrà il nome di una delle due: si chiamerà Duke Energy. Agli azionisti della Duke andrà il 67%, mentre a quelli della Progress il restante 37%.

Il bacino di utenza della nuova società comprende 6 Stati (North Carolina, South Carolina, Florida, Indiana, Kentucky e Ohio), per un totale di oltre 7 milioni di abitazioni. In tutto la potenza sarà di 57.000 MW, il 20% dei quali provenienti da 12 reattori nucleari.

Attualmente infatti la Progress Energy gestisce 5 reattori, di cui due ad acqua bollente nella centrale di Brunswick (North Carolina) e altri tre ad acqua pressurizzata nelle centrali di Crystal River (Florida), Shearon Harris (North Carolina) e Robinson (South Carolina), per un totale di 4300 MW. La Duke Energy invece ha al momento 7 reattori, tutti ad acqua pressurizzata: due nella centrale di Catawba (South Carolina), due in quella di McGuire (North Carolina) e tre in quella di Oconee (South Carolina), per un totale di 6700 MW.

Inoltre la Progress ha in programma due reattori del modello AP1000 nella centrale di Shearon Harris, oltre a nuova centrale a Levy (Florida), che ne ospiterà altri due. Anche la Duke ha previsto due reattori AP1000 per la centrale di William States Lee (South Carolina), e sta valutando un'altra centrale nell'ex impianto per l'arricchimento dell'uranio a Piketon (Ohio).

Una delle conseguenze più evidenti della fusione societaria sarà proprio una maggiore capacità di intraprendere nuovi progetti di grandi dimensioni come quelli di nuove centrali nucleari: «L'unione della Duke con la Progress darà vita a una società più forte finanziariamente e con una maggiore capacità di affrontare le sfide che ci attendono», ha dichiarato Jim Rogers, attuale presidente della Duke e futuro presidente esecutivo della nuova società.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su