Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Europa: quali politiche energetiche?

- World Energy Outlook 2014 (IEA)

- Come sarà il deposito di scorie italiano

- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



ITALIA - Politica



10-02-2010

Via libera definitivo al decreto per i siti nucleari



Via libera definitivo al decreto per i siti nucleari

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera definitivo al decreto legislativo sui criteri per la localizzazione dei siti nucleari. Il decreto non individua i siti destinati a ospitare impianti nucleari, ma solo i criteri generali per l'idoneità: saranno le imprese interessate a indicare i siti, che dovranno rispettare le caratteristiche previste dalla normativa.

«Il provvedimento si caratterizza per la trasparenza e il rispetto assoluto della sicurezza delle persone e dell'ambiente», ha affermato il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola, che ha confermato le date previste: avvio dei cantieri nel 2013 e produzione di energia elettrica dal 2020. Secondo il ministro, l'energia nucleare consentirà «una maggior sicurezza degli approvvigionamenti energetici, una minore dipendenza dalle importazioni e prezzi allineati a quelli europei».

Il ministro insiste in particolare sulla trasparenza e sul coinvolgimento della popolazione nel processo decisionale: «Il decreto prevede la più ampia partecipazione delle Regioni, degli enti locali e delle popolazioni, anche attraverso consultazioni, sulle procedure autorizzative, sulla realizzazione, sull'esercizio e sulla disattivazione degli impianti nucleari, così come sulle misure di protezione sanitaria dei lavoratori e della popolazione e la salvaguardia dell'ambiente».

Le popolazioni, le imprese e gli enti locali dei territori interessati riceveranno benefici economici da parte dei costruttori e dei gestori degli impianti. In particolare, i consumatori finali del territorio interessato avranno riduzioni della spesa energetica, della Tarsu, dell'addizionale Irpef, dell'Irpeg e dell'Ici.

Il decreto prevede poi la creazione di un deposito nazionale di scorie nucleari, che sarà inserito in un più ampio Parco tecnologico dotato anche di un centro di ricerca. Infine, lo smantellamento degli impianti alla fine della loro attività sarà affidato alla Sogin, con costi a carico degli operatori degli impianti.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su