Subscribe RSS feed diminuisci grandezza del testo aumenta grandezza del testo




NuclearNews
NEWS
Esperto Risponde

Categorie




Interventi Recenti




Ultimi Documenti inseriti



- Centrali nucleari in servizio e in costruzione (aprile 2014)

- Le emissioni delle fonti di energia

- L'energia nucleare in Europa, 2010-2050

- Le previsioni per il sistema energetico europeo fino al 2050

- Le centrali non aumentano i rischi di leucemia: studio canadese

- Fukushima: quali danni alla salute della popolazione?

- Gestione delle scorie: il nuovo programma degli Stati Uniti

- Le previsioni al 2050 dell'Iaea

- World Energy Outlook 2012 (IEA)

- Il Rapporto 2011 dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Iaea)

- Le previsioni della Exxonmobil per il sistema energetico fino al 2040

- Le previsioni della BP per il sistema energetico fino al 2030

- L'energia nucleare dopo Fukushima: documento del World Energy Council

- Centrali nucleari e leucemie: nessun legame



Video del mese






EnerBlog

News



MONDO - Scorie



12-02-2010

Viene dagli ospedali la nuova arma contro le scorie



Viene dagli ospedali la nuova arma contro le scorie

La soluzione al problema delle scorie radioattive ha uno strumento in più. Stavolta non è un nuovo dispositivo o una tecnica rivoluzionaria, ma un apparecchio che si trova normalmente negli ospedali. Si chiama "Gamma camera" ed è usata per le diagnosi di pazienti oncologici o con malattie cardiache.

Un gruppo di scienziati delle università di Manchester e Leeds, insieme a esperti di medicina nucleare del Manchester Royal Infirmary, ha usato per la prima volta la gamma camera per analizzare campioni di suolo raccolti nel sito nucleare di Oak Ridge (Tennessee, Sud degli Stati Uniti) e misurarne la radioattività.

«La tecnica usata consente di monitorare in tempo reale le particelle radioattive di tecnezio, che sono fra i prodotti della fissione nucleare più problematici da gestire», ha spiegato Jon Lloyd, che ha guidato il gruppo dell'Università di Manchester.

I risultati, pubblicati sulla rivista Environmental Science and Technology dell'American Chemical Society, hanno dimostrato il successo della tecnica, e aprono la strada a nuovi strumenti per contenere la radioattività. In particolare, con la gamma camera si possono osservare i progressi nella bonifica delle scorie ottenuti con l'impiego di speciali batteri: «Il nostro successo permetterà agli scienziati di monitorare accuratamente i progressi delle nuove tecniche biologiche nel catturare gli elementi radioattivi e nel bloccare il loro passaggio nell'ambiente», ha concluso Lloyd.



Back to top Torna su


(Nessum commento.)



Lascia un commento:


Non incollare nella finestra del commento testo proveniente da altre applicazioni.
Non inserire codice HTML e/o link (URL). Il commento non può essere più lungo di 2000 caratteri.

Nome: *
E-mail:
(non verrà mostrato sul sito)
*
Commento: *

Inserisci il codice:

security image
 


Back to top Torna su